Frate Alessandro, "la voce di Assisi" in concerto a Grosseto

Venerdì 16 maggio

- Al: 07/05/2014, 00:00 | Categoria: Musica
STAMPA

GROSSETO -Ormai è conosciuto in tutto il mondo come “La voce di Assisi”: Frate Alessandro, francescano della città

del Poverello, venerdì 16 maggio sarà a Grosseto per mettere la sua straordinaria voce a servizio della
fraternità.

Il frate tenore, infatti, si esibirà in concerto nella Cattedrale di San Lorenzo (inizio ore 21), accompagnato
dall’Ensamble polifonico “G.P. da Palestrina”, diretto da Massimo Merone, per una serata di

beneficenza organizzata dalla Diocesi e dal Rotary Club di Grosseto 2071° Distretto, in favore della
Caritas diocesana.

“Frate Alessandro – ha detto il vescovo Rodolfo durante la conferenza stampa di presentazione dell’evento
– fa parte di quella schiera di giovani con cui anch’io ho lavorato. Ha un dono che dona, la sua voce, e con

essa dona una testimonianza”.
“Per il Rotary Club di Grosseto – ha detto il presidente Adalberto Campagna – è un onore poter

festeggiare i 60 anni di fondazione con questa serata che unisce l’arte alla solidarietà”.
Alla conferenza stampa erano presenti anche don Franco Cencioni, proposto del Capitolo della Cattedrale;

don Piero Caretti, parroco di San Lorenzo nella Cattedrale; i maestri Antonio Di Cristofano e Massimo
Merone, oltre ad alcuni rappresetanti del Rotary.

• CONCERTO A SOSTEGNO DEL PROGETTO CARITAS “FAMIGLIE SOLIDALI”
L’intero ricavato del concerto di beneficenza sarà devoluto a sostegno del progetto “Famiglie solidali”,

che la Caritas diocesana ha avviato già da tempo e che sta consentendo a nuclei familiari in difficoltà
economica e in emergenza abitativa di trovare non solo una rete di aiuto ai più immediati bisogni, grazie alla

predisposizione di percorsi finalizzati al raggiungimento della loro autonomia.
“A questo scopo la Caritas – ha spiegato il vice direttore Luca Grandi - gestisce quattro appartamenti

(tre in via Adriatico e 1 in via Goldoni, a Grosseto), che vengono messi a disposizione di nuclei familiari
in momentanea situazione di forte bisogno. Vogliono essere un’oasi per riprendere fiato dai problemi

economici, recuperare serenità e quella dimensione di intimità senza la quale non c’è famiglia. Il progetto
non si limita però a fornire una risposta al bisogno abitativo: le famiglie inserite nel percorso, infatti, vengono

aiutate anche a tenere vive relazioni umane, che evitino la solitudine, lo spaesamento, la paura del domani.
A loro vengono affiancate alcune coppie di sposi, che, non afflitte da problemi economici, mettono a

disposizione un po’ del loro tempo e di se stesse per accompagnare, sostenere, incoraggiare i nuclei accolti
negli appartamenti Caritas”. Se la Caritas, infatti, è un segno della tenerezza di Dio, questa tenerezza può

concretizzarsi solo nel volto amico di un fratello: in questo caso di alcune coppie di sposi.
• IL PROGRAMMA DELLA SERATA

Il concerto di Frate Alessandro si svilupperà in quattro parti, ciascuna introdotta da una lettura: sarà, così,
un itinerario musicale che proporrà anche una riflessione sui contenuti della fede.

La prima parte è dedicata alla Vergine Maria: saranno eseguiti la “Ave Maria” di D. Bartolucci, il “Regina
Coeli” di G. Aichinger e “Vergin tutto amor” di F. Durante.

Nella seconda parte dedicata al tema del peccato e della redenzione saranno eseguiti “Popule meus” di
L. da Victoria, “Miserere mei, Deus” di G. Allegri, “Aria da chiesa” di Stradella e “Adoramus Te Christe” di

G.P. da Palestrina.
La terza parte celebrerà la gloria di Dio e i santi con “Quemadmodum desiderat” di Bartalucci, “Sicut

cervus” di G.P. da Palestrina, “Madonna de claritate” di M.E. Bossi e T. Zardini e una Lauda del XIII secolo
“Sia laudato San Francesco”.

Infine la quarta parte, incentrata sul mistero della Santa Eucaristia con “O Sacrum Convivium” di
Bartolucci, “O pane del ciel” di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori, “Ave Verum” di Mozart e il “Panis Angelicus” di

Franck.
• CHI E’ FRATE ALESSANDRO

36 anni, Frate Minore Francescano umbro, fa della musica una testimonianza di fede e un mezzo di
annuncio del Vangelo. Ha all’attivo due cd: “The voice of Assis” e “Tu scendi dalle stelle”. La sua voce è

chiara e intrisa di sofferenza, le canzoni splendide e strazianti allo stesso tempo.
Da bambino inizia lo studio dell’organo, mentre nel 1996 - l’anno in cui decide anche di entrare in convento

per diventare frate francescano – inizia a cantare in un coro. A 19 anni decide di lasciare lo studio
dell’organo, ma non abbandona il canto. Fu il suo desiderio profondo di seguire la sua vocazione che lo

portò a scoprire la sua voce: non è stata la sua voce a portarlo alla vocazione, ma la vocazione a condurlo
alla sua voce. Nel 2001, dopo una profonda crisi mistica, decide di vivere da eremita. “Credevo in Dio, ma

forse in un altro dio – ha raccontato – Aspettai fino a sentirmi un fratello di tutti gli uomini e un fratello di tutti
i frati, ma non avevo il coraggio di chiedere di essere riammesso. Aspettai tre anni, continuando a cantare,

a lavorare il legno e a riparare vecchi strumenti musicali”. Nel 2005 il ritorno in convento e nel 2009 la
professione perpetua dei voti di povertà, castità e obbedienza.

Nel 2011 l’incontro che ha segnato la svolta anche alla sua carriera di cantante. Frate Alessandro stava
cantando in una piccola chiesa quando gli fu chiesto di fare un’audizione discografica. L’impresario fu molto

colpito dalla sua voce e lo portò alla Decca Records, dove la sua straordinaria voce da tenore, calda e
vellutata, diventò uno scoperta. E’ stato il primo frate a firmare un contratto con una grande etichetta: la

Universal Music group. A produrre il suo primo cd “The voice from Assis” – registrato negli studi londinesi
di Abbey Roard, gli stessi in cui i Beatles hanno registrato la quasi totalità dei loro album e dove hanno

registrato anche i Pink Floyd, i Queen e molti altri artisti di fama internazionale - è stato Mike Hedges, che in

passato ha lavorato anche con gli U2 e i Cure.

Contatti

redazione@grossetooggi.net
mob. 338.1604651
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK