La Rinascita di Scarlino: arrivano le dimissioni di Michele Marchiani

| di Redazione
| Categoria: Associazioni
STAMPA

Il mio percorso da consigliere è concluso, perlomeno provvisoriamente, per la scelta che era stata fatta di dividere la consigliatura tra i candidati Rinascita. Una sorta di rodaggio pianificato, spunto di crescita, che lì per lì non mi aveva convinto.
Alla luce di quanto trascorso devo tuttavia ricredermi riconoscendo che l’esperienza pur breve è stata formativa. Credo che complessivamente, partendo dal nostro fondatore Mauro Ontani, questo periodo sia stato proficuo. Ognuno di noi esordienti, in ordine di comparizione Silvia Vecci, Matteo Ulivelli e il sottoscritto, (e così farà Bianchi Paolo) ha contribuito a formare un gruppo dal quale poter ripartire in vista di una prospettiva di alternanza di amministrazione che, a mio avviso, non è rimandabile oltre.
Per Scarlino adesso serve discontinuità, e non è quella degli effimeri distinguo che provengono balbettanti dalle file dei sostenitori dell’attuale maggioranza. Gruppi che hanno sostenuto e tuttora sostengono l'attuale maggioranza eccoli diventare improvvisamente critici e consapevoli protestando sulle le modalità su come questa amministrazione ha gestito i rapporti con la società inceneritrice. Adesso son tutti critici, ma nessuno di loro ha mai fiatato quando abbiamo denunciato il ruolo passivo dell'amministrazione di fronte ai diktat della provincia e quando abbiamo puntato il dito contro l'inadeguatezza del monitoraggio previsto. Quando abbiamo segnalato che la coincidenza controllore- controllato era un'anomalia che non ci garantiva per quel che riguarda l'ambiente e la salute. Questa proliferazione di "spiriti critici" all'interno della maggioranza mi lascia perplesso. Ho la sensazione che certa gente, non solo stia cercando di ricomprarsi la fiducia degli scarlinesi in funzione delle coincidenze elettorali che si avvicinano. Ho la sensazione che questi "illustri qualcuno" questa fiducia stiano tentando di pagarla con i soldi del Monopoli.
Noi invece vogliamo aprire le finestre. Cambiare aria sul serio al numero 1 di Via Martiri d’Istria.
Per i nostri progetti abbiamo bisogno, il mio oltre che un saluto è anche un appello, di linfa nuova, di collaborazione e di competenze.
Mi rivolgo ai maltrattati operatori turistici i quali, da due anni, alle porte della stagione turistica sono penalizzati dalla “Tassa di Soggiorno”. La speranza di un rientro della gabella, metodicamente comunicata in ritardo, sotto forma di opere destinate alla promozione e servizi turistici non sempre è soddisfacente.
Per esempio da troppo si sente parlare di pista ciclabile da completare mentre, ad oggi, la stessa pista incompleta al proprio termine letteralmente “spara” pericolosamente i ciclisti nella provinciale senza neppure un’adeguata segnaletica di indicazione.
Il tratto per pedoni poi, lato campeggi, si trasforma in un percorso insidioso di free climbing tra gli ingombranti basamenti in cemento che reggono le strutture all’ingresso del Puntone.
Ci rivolgiamo anche alle associazioni degli agricoltori che si sentono privati dalle possibilità di operare in condizioni di alta qualità anche a causa della disattenzione rivolta da questa maggioranza all’ambiente.
Diossina, Agrigess, sversamenti misteriosi in mare e sul canale solmine che provocano morie senza risposte.
Ci rivolgiamo a quanti vivono qua, a quanti, accolti da Scarlino, innamorandosi della bellezza delle nostre spiagge e dei nostri boschi hanno chiamato “casa” questo posto. Ci rivolgiamo a quanti aspettano inutilmente oramai da 10 anni la realizzazione di un plesso scolastico moderno e unico.
Ci rivolgiamo a quelli che credono un cambiamento possibile oltreché salutare. E tutti questi, consapevoli che per cambiar lo stato delle cose occorra uno sforzo comune, noi li aspettiamo.
L’occasione mi è gradita per porgere

Redazione

Contatti

redazione@grossetooggi.net
mob. 338.1604651
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK