Lav Grosseto: "Risarcimento per gli allevatori mezzo insufficiente per risolvere il problema"

"Opportuno bloccare il fenomeno alla radice"

| Categoria: Attualità
STAMPA
printpreview

GROSSETO - La Lav ritiene le misure di risarcimento da parte della Regione Toscana nei confronti degli allevatori di ovini colpiti da attacchi di predatori un mezzo insufficiente per risolvere il problema, se non associato a una azione di prevenzione reale e ben pianificata. Si rileva infatti da dati già più volte resi noti e dei quali la Regione è ben consapevole che una gran parte degli attacchi alle greggi sono da attribuire a cani vaganti e non a lupi. E’ dunque necessario che si vada ad incidere proprio sulle cause del vagantismo, investendo sulla gestione consapevole dei cani da parte di chi vive in zone rurali e promuovendo la sterilizzazione onde ridurre il rischio di ibridazione cane-lupo e limitare il randagismo. Tra le proposte formalmente presentate dalla LAV alla Regione c’è il finanziamento totale della sterilizzazione dei cani di proprietà delle aziende zootecniche, insieme naturalmente alla loro registrazione in anagrafe canina e a campagne di educazione scolastiche alla gestione responsabile dei cani.


“I fondi che la Regione ha messo a disposizione degli allevatori, peraltro per il momento un limitato anticipo a fronte dei quattro milioni annunciati,  saranno un risarcimento che non produrrà prevenzione e che servirà al massimo a stemperare un clima di tensione – dichiara la Lav – mentre sarebbe più opportuno spendere i soldi pubblici per bloccare alla fonte il vagantismo, il randagismo e l’ibridazione, onde mettere a tacere veramente anche coloro che in modo assurdo e aberrante continuano a proporre di aprire gli abbattimenti dei lupi. Si dovrebbero infatti integrare gli stanziamenti previsti dalla Regione per i piani anti randagismo che altrimenti saranno soltanto una goccia nel mare. Al contempo sarebbe però ancora più opportuno favorire le scelte produttive vegetali, anziché l’allevamento, evitando il sacrificio e la morte di moltissimi animali e favorendo un maggior rispetto della vita e dell’ambiente”.

“Per la prevenzione del vagantismo, del randagismo e dell’ibridazione la stessa Regione chiese alla Lav di produrre a luglio 2014 un pacchetto di proposte che non risulta siano state prese in considerazione, preferendo al momento versare soltanto un misero obolo alla categoria degli allevatori, tanto esiguo che i suoi rappresentanti politici non possono neanche farsene un vanto”, conclude la Lav.

Contatti

redazione@grossetooggi.net
mob. 338.1604651
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK