Scuola, Rossi: "In Toscana investimenti importanti malgrado i tagli"

| Categoria: Attualità
STAMPA

FIRENZE - "Investire nella scuola malgrado i pesantissimi tagli statali è stata una delle scelte più importanti che abbiamo fatto in questi anni. Una scelta di qualità e di civiltà. Sono convinto che su questo terreno dovremo ancora andare avanti, magari cercando altrove risorse, attraverso risparmi e razionalizzazioni". Con queste parole il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha portato il suo saluto agli amministratori, agli insegnanti, agli studenti che stamattina hanno affollato la sala di Sant'Apollonia per l'iniziativa di presentazione dei Pez, ovvero dei Piani educativi zo nali. "Dove lo Stato ha tagliato noi ci siamo stati con i nostri investimenti per il futuro - ha ribadito Rossi - Ed è quanto vogliamo continuare a fare assieme alle amministrazioni comunali che vivono direttamente i problemi delle famiglie e dei ragazzi".

Il presidente si è anche detto preoccupato dei dati relativi alla dispersione scolastica. "E' un problema che abbiamo anche in Toscana e rispetto al quale dobbiamo fornire risposte concrete - ha spiegato - Per esempio intervenendo sugli istituti professionali, perché abbiano uno sbocco lavorativo più definito, un legame reale con il territorio e le attività economiche. Allo stesso modo dobbiamo occuparci dei cosiddetti Neet, cioé dei giovani che non lavorano e non si formano, per tentare di costruire un rapporto con il lavoro o magare fare in modo che sperimentino il nostro servizio civile".

Nell'intervento del presidente anche una riflessione sul sostegno regionale alle famiglie che mandano i loro figli alle scuole per l'infanzia private. "Da un lato abbiamo sostenuto le classi Pegaso, ma dall'altro, a fronte di costi troppo alti, c'era il pericolo che diverse famiglie venissero tagliate fuori da questo servizio. Per questo siamo intervenuti, peraltro con risorse di gran lunga inferiori a quelle che abbiamo destinato alla scuola pubblica. Siamo per la scuola pubblica, ma l'ideologia non può prevalere sui bisogni delle persone".

Tutto questo nella consapevolezza del ruolo ancora più centrale che la scuola e i progetti educativi avranno negli anni a venire: "Il disagio sociale sta aumentando e ci vorrà tempo perché la ripresa economica ci faccia guarire dalle ferite prodotte dalla crisi - ha concluso Rossi - Per questo bisogna rafforzare il presidio della scuola, nel segno della qualità".

Contatti

redazione@grossetooggi.net
mob. 338.1604651
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK