Francesco Rustici: "Un'azione seria e specifica per il nostro ambiente"

"Bonifica dei corsi fluviali e ripensamento sul "sistema rifiuti" "

| Categoria: Attualità
STAMPA

GROSSETO - "L'ambiente della nostra provincia è forse il più variegato della Regione – comincia Francesco Rustici, giovane outsider PD alla corsa per Firenze - dalla costa alla montagna possiamo offrire una varietà invidiabile di paesaggi come poche altre realtà in Toscana e in Italia.

Proprio per questo dobbiamo puntare sul suo mantenimento e sulla sua promozione per tutelarlo affinchè continui a caratterizzarci ancora a lungo.

Questo splendido tesoro è troppo spesso messo a repentaglio dal dissesto idrogeologico dovuto all'abbandono del territorio e all'incuria dei corsi d'acqua. Bisogna investire in un'opera di bonifica seria dei corsi d'acqua, grandi e piccoli, con una loro pulitura periodica mettendo ad opera i Consorzi di Bonifica troppo spesso inermi. Eliminare gli inerti fluviali deve essere una priorità se non vogliamo continuare ad assistere ad alluvioni ogni inverno.

Il sistema rifiuti – continua Rustici - accorpato nell'ATO insieme a Siena ed Arezzo deve essere al centro dei nostri pensieri per l'importanza che ricopre. Dobbiamo capire se effettivamente gli accordi di gestione siano sostenibili per noi e per l'ambiente, aumentare la quota di differenziata per riciclare il più possibile, anche tramite un percorso di sensibilizzazione nella popolazione e con la possibilità di sgravi per chi ricicla e fa compostaggio dell'umido.

In nostro territorio è, insieme alle provincie di Pisa e Siena, il primo in Toscana per la produzione di energia geotermica, una risorsa importante che deve essere governata attentamente. Se nelle Colline Metallifere la situazione sembra delineata – conclude il giovane candidato - in Amiata la "questione geotermica" è ancora apertissima e non possiamo non toccarla. Sì, quindi, alla geotermia, ma con controlli periodici, con un ritorno sul territorio (economico e non, con il teleriscaldamento) e stop alla costruzione di nuove centrali, avanti con studi per conoscere e capire di più, in collaborazione con le università toscane e, perché no, con le scuole locali, per far conoscere ai giovani la preziosa ricchezza che hanno sotto i piedi.

A valle invece il ruolo della geotermia non può soppiantare quello storico dell'agricoltura, ormai di qualità, che caratterizza la parte della Val d'Orcia nei comuni di Cinigiano, Castel del Piano e Cinigiano: inserire la geotermia lì, in un contesto che ha già trovato una sua vocazione, non può che essere un errore."

Contatti

redazione@grossetooggi.net
mob. 338.1604651
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK