Toscana: prezzi delle case in calo (-2.8%) negli ultimi sei mesi

Firenze la più cara, a Siena i ribassi maggiori (-9.3%)

| di Davide Lesti
| Categoria: Attualità
STAMPA

FIRENZE - Decelera ma non si arresta il calo dei prezzi degli immobili residenziali in Toscana che, nel primo semestre del 2015, sono scesi del 2,8%: questo è quanto emerge dal focus sulla regione all’interno dell’Osservatorio sul mercato immobiliare residenziale italiano di Immobiliare.it (http://www.immobiliare.it).

Secondo il report, relativo al primo semestre dell’anno, a giugno 2015 il prezzo medio al metro quadro richiesto per un immobile in Toscana è stato di 2.707 euro, cifra che, nonostante un calo maggiore rispetto a quello medio nazionale (-2,3%), fa sì che la regione rimanga ben più cara rispetto al dato italiano (2.117 euro al mq).
Sebbene l’analisi mostri cifre ancora negative –  come nel resto del Paese – il calo dei prezzi richiesti per gli immobili della regione ha subito, nel corso della prima parte del 2015, un’importante decelerazione, ancora più chiara se si prendono in considerazione i valori di un anno fa: la contrazione complessiva dei prezzi applicati agli immobili della regione arriva al -4,8%.
Se si guarda ai dati trimestrali (marzo-giugno2015), invece, molte delle città toscane hanno registrato una stabilità assoluta, con dati prossimi allo zero; addirittura, si registra un aumento dei prezzi medi degli immobili a Massa (+1,3%).
Ed è proprio Massa il capoluogo di provincia che, complessivamente nel primo semestre 2015, ha subito il minor calo dei prezzi delle case, pari all’1,1%. Seguono Prato (-1,5%) e Firenze che perde l’1,8% e che rimane non solo la città più cara della Toscana, ma anche il capoluogo di regione più caro d’Italia, con una media di 3.590 euro al metro quadrato. Di contro, è Siena la città toscana che ha visto ridurre in maniera più evidente il valore degli immobili: qui il calo è arrivato addirittura al 6,2% (e al 9,3% rispetto a giugno 2014), non intaccando in ogni caso il suo posto sul podio come secondo capoluogo più caro della regione (3.448 euro al metro quadro).
I prezzi al metro quadro più “abbordabili” sono quelli registrati a Pistoia, dove servono mediamente 1.817 euro/mq per acquistare un immobile residenziale. Si mantengono sotto i 2.000 euro anche i valori di Arezzo, dove “bastano” 1.919 euro al metro quadro.

Davide Lesti

Contatti

redazione@grossetooggi.net
mob. 338.1604651
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK