Tariffe comunali per le attività economiche, incontro con le associazioni di categoria

L'assessore Giacomo Cerboni ha illustrato nel dettaglio le scelte dell'amministrazione per il 2017

| di Davide Lesti
| Categoria: Attualità
STAMPA

GROSSETO - L'assessore ai Tributi Giacomo Cerboni ha incontrato questa mattina le associazioni di categoria del territorio per illustrare nel dettaglio le scelte attuate dall'amministrazione comunale riguardo alle tariffe.
“Abbiamo lavorato fin dal nostro insediamento per ridurre la pressione fiscale che grava sui cittadini in generale e, in questo anno, con particolare attenzione alle categorie economiche – ha spiegato l'assessore Cerboni -; mi riferisco agli operatori del commercio, dell'artigianato, della ristorazione, alle imprese e a quanti muovono l'economia locale. Per questo motivo, con gli uffici abbiamo incontrato le associazioni di categoria con le quali intendiamo mantenere e rinforzare un solido rapporto di collaborazione e di scambio reciproco, per il bene della collettività”.
Tra i provvedimenti presi e già in vigore per l'anno in corso la riduzione della Tosap permanente del 5 per cento per le attività di somministrazione e commercio, su tutto il territorio comunale, e l'esenzione totale per sei mesi per le affissioni a vantaggio delle Start up nate nel 2017.
Inoltre sono previsti incentivi per la Tosap temporanea per l'attività edilizia, con una riduzione progressiva della tariffa al crescere della superficie occupata, anche in questo caso su tutto il territorio comunale. 
Sempre per le attività economiche sono state adottate riduzioni sulla Tari fino all'11 per cento, sono in vigore incentivi fino al 5 per cento per le attività che donano prodotti ritirati dalla vendita e la riduzione del 2 per cento per le attività agricole o vivaistiche che effettuano compostaggio.
Altri interventi che riguardano la Tosap e la tassa sulle affissioni sono quelli che prevedono la possibilità di un'ordinanza sindacale di sospensione della attività dopo due multe per occupazione abusiva di suolo pubblico nel medesimo anno; e l'obbligo di gigantografie nei ponteggi installati nei centri storici, che riproducano l'edificio oggetto di ristrutturazione, le insegne dei negozi e le targhe degli uffici presenti vicino ai portoni dell'edificio stesso.

Davide Lesti

Contatti

redazione@grossetooggi.net
mob. 338.1604651
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK