"Sei grossetano se...": spopola su Facebook il gruppo dedicato ai ricordi

Un forum nato per condividere i pezzi di storia del capoluogo maremmano

| di Davide Lesti
STAMPA

GROSSETO - Un archivio di ricordi metropolitani. Una serie di emozioni da poter condividere con persone che hanno vissuto le stesse esperienze: tra i tanti pregi di Facebook, il social network di riferimento per i "gruppi" che desiderano sviluppare un argomento di comune interesse, c'è quello di poter trasformare una propria sezione in un vero e proprio album virtuale di vita reale vissuta. Ed il "gruppo" che spopola nelle ultime ore, in crescita esponenziale di visitatori, iscrizioni e commenti, si presenta con un nome che stuzzica curiosità e voglia di partecipazione attiva: "Sei grossetano se..." sta riscuotendo un successo smisurato, con una serie di post dedicati ai locali che non ci sono più, ai luoghi frequentati nei periodi dell'adolescenza, ed ai personaggi storici conosciuti da tutti i grossetani. La malinconia è tanta, così come la voglia di aggiungere esperienze e rimembrare situazioni tipiche di una Grosseto che non c'è più: chi descrive i giochi all'aperto in strade meno pericolose e popolate di bambini, chi ricorda la prima sigaretta di nascosto, o i giovani che andavano di domenica pomeriggio all'Eden ed il venerdì sera al Fuor Roses. Citazioni per delle vere e proprie celebrità urbane come "Giogio", "Silvietta", il vigile urbano dalle poche multe ma dalle storiche battute o il Maudi. Gli appuntamenti storici in punti chiave come lo Chalet, le vasche con gli amici in centro o la furia dei genitori nel caso in cui ti avessero sorpreso seduto sulla scalinata del Duomo. Il gioco di "Buchetta" o "Buca e pallino" nei pressi di via Ximenes, le caramelle di Orazio, quando il giovedì tra la Camera di commercio e "Il Socci" non si passava per via di una presenza smisurata di persone. Una marea di ricordi in continuo aggiornamento, con iscrizioni in crescita esponenziale e post che regalano emozioni a non finire: la vecchia Grosseto esiste solo nelle parole di chi l'ha vissuta, e grazie a questo gruppo tutti i grossetani sono in possesso di un album di ricordi che regala brividi e un pizzico di sana nostalgia.

Davide Lesti

Contatti

redazione@grossetooggi.net
mob. 338.1604651
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK