Top of the Sport: Marco Perin, professione playmaker

Un giovane cestista grossetano attualmente in forza a Montegranaro

| di Davide Lesti
STAMPA

GROSSETO - Uno sport che raggiunge i suoi massimi livelli oltre oceano, ma che non ha faticato ad imporsi in Europa e successivamente anche in Italia. Stiamo parlando del Basket, disciplina amata sin da bambino da Marco Perin.
Il ragazzo grossetano, cresciuto palleggiando con la palla a spicchi dopo aver ereditato la passione dal padre, è attualmente un punto di forza della Poderosa Montegranaro, formazione che milita nel campionato di DNB.
La società marchigiana del Presidente Riccardo Bigioni ha deciso di investire sul talentuoso playmaker acquisendone, nel mercato estivo, i diritti sportivi dalla Mens Sana Siena, precedente proprietaria del cartellino del ragazzo e proponendo, alla giovane promessa grossetana, un contratto biennale.
Marco Perin, nato il 24 luglio del 1993, è un Playmaker di 188 centimetri.
E' stato segnalato e scoperto dall'Avvocato Lorenzo Maestrini, anch'egli maremmano, esperto di diritto sportivo e collaboratore dello Studio Legale Grassani di Bologna.
Il giovane atleta è attualmente rappresentato dalla nota Agenzia di Bologna "Sigma Sports" dei fratelli Comellini, procuratori di atleti del calibro di Luigi Datome, Nicolò Melli, Romain Sato e Petteri Koponen.

Un orgoglio per il movimento cestistico grossetano, dove Marco ha realizzato i primi canestri.

"Sono cresciuto nella palestra del Basket Grosseto, dove ho militato dai 5 ai 14 anni. Mio padre era un giocatore di basket e anche grazie a lui non ho faticato a scegliere quello che sarebbe diventato lo sport della mia vita.
Nel mio percorso di crescita, che mi ha portato a disputare campionati importanti, sono stati fondamentali gli insegnamenti che ho ricevuto nella mia città."

Una domanda di rito: chi è stato il tuo primo idolo?

"Un ragazzo della mia età, che si è affacciato al mondo del Basket verso la fine degli anni '90, non può che idolatrare un campione assoluto come Michael Jordan. M.J. rappresenta il massimo per ogni amante di questo sport, avendo scritto pagine leggendarie della storia N.B.A. attraverso giocate sensazionali".

Da Grosseto a Siena: cosa ricordi dell'esperienza vissuta nella città del Palio?

"Siena è stata un'altra tappa fondamentale della mia carriera: con la Mens Sana Montepaschi Siena ho fatto tutti campionati Giovanili, Tornei Nazionali ed Internazionali, conquistando un titolo Nazionale,con allenatori importanti quali Magro Alessandro (Assistent Coach Siena) e Baioni Giacomo (Assistent Coach Caserta) , mentre con il Cus Basket Siena DNC, ho mosso i miei primi passi nel mondo dell'agonismo, ho realizzato miglioramenti costanti, e sono riuscito anche a ritagliarmi l'esordio in A1 con Coach Pianigiani e Banchi nella sfida con Brindisi."

L'esperienza con Riva del Garda e la chiamata di Montegranaro: come valuti i tuoi primi mesi nelle Marche?

"Sono molto soddisfatto di aver firmato per questa importante realtà del panorama di DNB, città dove si respira Basket a 360°, il mio rendimento in questa prima parte del Campionato è stato buono, dove tutto l'ambiente Società, Staff Tecnico, sono perfetti per poter fare basket ad ottimi livelli.
Mi sto piano piano ristabilendo da un piccolo infortunio, e adesso sono già concentrato per il prossimo match: la trasferta di Palestrina sarà un test complicato, dove troveremo un ambiente molto caldo in cui servirà la massima concentrazione per tornare a casa con una vittoria".

Dal punto di vista personale quali sono le ambizioni di Marco Perin?

"Cerco di migliorarmi giorno dopo giorno, concentrandomi su tutti gli aspetti che possono aiutarmi a crescere come giocatore.
Il sogno è quello di raggiungere la massima serie, e cercherò con tutte le mie forze di centrare questo obiettivo".

Davide Lesti

Contatti

redazione@grossetooggi.net
mob. 338.1604651
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK