Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Pan dei Santi

Condividi su:

Ecco una ricetta che anticamente veniva fatta per festeggiare la ricorrenza di
ogni santi.Ricetta povera, come povera era la maremma fino alla seconda guerra
mondiale.
La Toscana è indubbiamente la regione che più di ogni altra in italia vanta
le migliori eccellenze enogastronomiche (dal BRUNELLO alla Palamita DOP
dell'Argentario ecc...), ma non detiene però il primato dei dolci... Questo è un
dolce, i cui natali sono sempre stati contesi tra le province di Siena e di
Grosseto, particolare, poco dolce e poco salato, contiene frutta secca, olio
d'oliva e miele e vene consumato "inzuppato " nel VIN SANTO.

Ingredienti per 6 pagnottelle:

300 gr di farina manitoba
300 gr di farina 00
25 gr lievito di birra
300 gr di acqua
150 gr gherigli di noci
100 gr di uvetta
4/5 cucchiai di zucchero
r di semi di anice  1 cucchiaio
olio di oliva  4/5 cucchiai
30 gr di strutto
1 cucchiaio di miele
una presa abbondante  di sale (1 cucchiaino ca.)
pepe nero a piacere

Procedimento :

Sciogliere il lievito in 100 gr di acqua tipida con un cucchiaino di zucchero e lasciar fermentare per 10 minuti. Impastare con 100 gr di farina e far nuovamente riposare per 40 minuti in luogo tiepido. Intanto tagliare a pezzetti le noci e metterel'uvetta in ammollo. Unire all'impasto lievitato la restante farina ben setacciata con altri 200 gr di acqua tiepida, lavorare a piene mani e unire lo zucchero, il miele,l'olio,lo strutto e in fine il sale. Lavorare energicamente per almeno 20 minuti, quindi coprire l'impasto con un telo da cucina e far lievitare per almeno 1, 1/2  o 2 ore.
Passato il tempo richiesto per la lievitazione sgonfiare la pasta e unire la frutta secca, i semi di anice e il pepe. Lavorare quel tanto che basta per amalgamare bene gli ingredienti, formare delle pagnottine e lasciar nuovamente lievitare per almeno 1 ora. Spennellare con poco latte e infornare a 200∞ /220∞ per 15- 20 minuti.
Questa ricetta può essere eseguita anche con la planetaria.

Altre ricette sul blog della Maestra Cinzia Bolognesi Piani:  ilprofumodellavainiglia

Condividi su:

Seguici su Facebook