Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato? Accedi

Password dimenticata? Recuperala

ATTENZIONE A QUESTA PIANTA!!

Bufala o realtà?!?

Condividi su:

Di queste piante ce ne sono moltissime nei nostri appartamenti...

Un uomo stava sistemando le sue piante in ufficio e si ruppe accidentalmente un piccolo ramo di una Diffembachia (questo il nome della pianta). Forse perché aveva le mani impegnate, prese il piccolo ramo caduto e se lo mise in bocca, premendolo leggermente tra le labbra per meno di un secondo. Subito si sentì bruciare, corse in bagno e vide il suo viso tutto viola. La lingua si gonfiava. Un amico che era con lui, lo portò subito in ospedale. Il tragitto, di circa mezz'ora, sembrava eterno per l'uomo, perché ogni istante sentiva il suo respiro più difficile e un dolore forte nelle vie aeree che era insopportabile. 

Questa bella pianta che vediamo nelle foto, chiamata appunto Diffembachia, venduta senza avvertimenti come pianta decorativa, è in realtà uno dei veleni più potenti in natura. Introdotta in Europa alla fine del XIX secolo, ha la sua origine nelle foreste vergini del centro e sud America, soprattutto in Brasile. 

L'uomo è stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva perché c'era addirittura la possibilità che subisse un arresto cardiaco. Uno dei polmoni era collassato e l'interno delle vie aeree superiori si riempì di piaghe; il dolore era così intenso che neanche la morfina lo sollevò.

Può causare la morte di un bambino in meno di dieci minuti, può causare asfissia in meno di venti minuti per un adulto. 

Essendo così popolare, vale la pena far conoscere alla comunità la sua "natura". A noi decidere quanto vale la pena averla come ornamento, un semplice contatto casuale può causare la morte in pochi istanti. 

Condividi su:

Seguici su Facebook