Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Concluso il progetto COL.MA.RE a Massa Marittima

Condividi su:

Questa mattina è terminato con la consegna degli attestati di partecipazione il progetto "COL.MA.RE" (coltivare-mantenere-reinserirsi) voluto dall'Amministrazione Penitenziaria e con la collaborazione di Regione Toscana, Provincia di Grosseto e le agenzie formative Ouverture service,l'Altra Città e Cooperativa Heimat.

L'incontro nella Casa Mandamentale di Massa Marittima è stato aperto dai saluti e la soddisfazione del Direttore dell' Istituto Carlo Mazzerbo, che ha parlato "dell'importanza fondamentale del volontariato all'interno delle carceri e di come i progetti come il COL.MA.RE offrano una visione differente nei confronti di molti luoghi comuni legati all'ambiente carcerario",  opinione ripresa anche dalla Dott.ssa Rinaldi educatrice della Casa Mandamentale e fautrice del progetto. I detenuti hanno affrontato un percorso formativo di 160 ore "con una prima parte del progetto dedicata a lavori edili e lignei insieme alla Cooperativa sociale IL NODO di Follonica e la seconda parte con la cura di piante, ortaggi ed erbe aromatiche, un progetto di cui andiamo fieri, purtroppo l'attuale momento vissuto non ci permetterà di ingrandire il progetto e le idee future" conclude la Dottoressa Rinaldi.
Il progetto al suo termine e con l'esperienza ricavata si tradurrà presto in una collaborazione con OUVERTURE service con il libro "Le ricette galeotte", raccolta di idee culinarie pratiche nate all'interno del Carcere, la Ouverture service si è occupata anche del monitoraggio tramite questionari ai corsisti del progetto per sondare il gradimento e l'apprendimento durante tutto il corso. "Riteniamo fondamentale mostrare i risultati del lavoro manuale e pratico illustrandolo su computer e report, anche per il futuro" ha dichiarato Giulia Norcini dell'Agenzia Ouverture.
"L'importanza del tirocinio formativo per avere il più ampio raggio possibile di opportunità nella vita" così si è espressa l'Assessore provinciale alle politiche sociali e lavoro Cinzia Tacconi sul peso del progetto concluso, di grande utitlità per  " scardinare i preconcetti sociali ancora diffusi sui detenuti" ha così affermato.

Sabrina Rossi per la CIA Grosseto invece ha parlato di una congiunzione necessaria tra i progetti come il COL.MA.RE, la filiera corta agricola e la necessità di trovare insieme alle aziende "una strada insieme per commerciare i prodotti della terra ottenuti dal progetto, la CIA con la sua rete di imprese agricole vuole collaborare attivamente in futuro per questo".
Ringraziamenti sono andati alle ditte FERLEO e VIVOLEGNO per la collaborazione e l'assistenza prestata durante la formazione pratica, culminata con piccole riparazioni edili ,  costruzione di panchine e tettoie all'interno della Casa Mandamentale e riparazione dei semenziari presenti nella struttura.

Condividi su:

Seguici su Facebook