Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Buoni scuola: 190mila euro a 417 famiglie. Assessore Stellini “Dalla Regione il doppio dei contributi del 2013. Più soldi e a più persone”

Contributi per la frequenza delle scuole d'infanzia paritarie, private e degli enti locali. “Il sistema Grosseto garantisce risposte a oltre 1000 famiglie”

Condividi su:

GROSSETO - Il Comune di Grosseto ha dato il via libera alla ripartizione dei contributi assegnati dalla Regione Toscana per il sostegno alle famiglie i cui figli, tra i 3 e i 6 anni, frequentano le scuole dell'infanzia paritarie, private e degli enti locali, tra cui quelle comunali. “E quest'anno – ha spiegato l'assessore alle Politiche Educative Giovanna Stellini – possiamo davvero fare la differenza con più soldi e a più persone, perché la Regione ci ha riconosciuto il doppio dei contributi rispetto al 2013, sfiorando i 200mila euro che ci consentono nel 2015 di soddisfare le esigenze delle oltre 400 famiglie che hanno fatto domanda quest'anno”. Nel 2013 le famiglie beneficiarie furono 321 e la Regione stanziò meno di 95mila euro.
I cosiddetti “buoni scuola” verranno dunque assegnati a tutte le 417 famiglie con Isee 2013 inferiore ai 30mila euro che hanno fatto richiesta al Comune. La cifra complessiva, che verrà ripartita, è di quasi 190mila euro e ad ogni famiglia andrà il 63,58% della retta (non raggiungeva il 40% l'anno scorso). “Il Sistema Grosseto risponde a oltre 1000 famiglie – ha aggiunto l'assessore Stellini – sia attraverso le strutture di Iside, 315 bambini nelle 7 scuole dell'Infanzia, che coprono tutte le domande, e 234 bambini nei 6 nidi, ma anche intervenendo attraverso il contributo comunale per le strutture in convenzione o con i “buoni servizio” regionali e, per le scuole dell'infanzia, con i “buoni scuola”.
Verrà comunque comunicata alla Regione Toscana l'esigenza di ulteriori risorse per una eventuale assegnazione integrativa di fondi, con l'obiettivo di aumentare la percentuale di contribuzione per ogni famiglia.

Condividi su:

Seguici su Facebook