Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Guardia di Finanza: più di 2000 sequestri nel periodo natalizio a Grosseto

Quattro persone denunciate per commercio di materiali contraffatti

Condividi su:

GROSSETO - La Guardia di Finanza, in occasione delle Festività Natalizie ed a tutela dei consumatori, della salute pubblica e del regolare funzionamento del mercato, sta organizzando servizi straordinari di controllo economico del territorio con finalità di prevenzione e contrasto di ogni forma di abusivismo commerciale.

Le pattuglie dislocate sul territorio della provincia hanno effettuato numerosi controlli nei confronti di esercizi commerciali e soggetti dediti al commercio ambulante.
In particolare, sono stati conseguiti i seguenti risultati:
- oltre 1600 articoli sequestrati amministrativamente;
- sequestro presso un esercizio commerciale di oltre 350 prodotti natalizi privi dei requisiti di sicurezza (in particolare, luminarie natalizie ed altri prodotti) destinati ai più piccoli e potenzialmente pericolosi;
- denunciati 4 soggetti - di cui un negoziante della provincia - responsabili di detenzione e commercializzazione di prodotti contraffatti. Sono stati recuperati e sottoposti a sequestro numerosi oggetti recanti falsi marchi di fabbrica, quali capi di abbigliamento, accessori e materiale audiovisivo, prodotto e venduto in violazione delle norme sul diritto di autore e sulla tutela dei marchi;
- verbalizzazione di un acquirente di prodotti contraffatti, cui è stata comminata una sanzione amministrativa;
- sanzionato un esercizio commerciale che, nel centro storico grossetano, durante la “movida del sabato” ha somministrato prodotti alcolici a minori di 18 anni;
- sanzionate due tabaccherie del capoluogo (una nei pressi di una scuola) che hanno venduto tabacchi a studenti minorenni.

L’attività segue il percorso ormai tracciato che vede le fiamme gialle impegnate, anche in collaborazione con le altre Forze di Polizia, a tutelare la collettività ed a garantire il rispetto delle regole del mercato e della libera concorrenza.

Condividi su:

Seguici su Facebook