Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Follonica: "Il motorino incidentato" scatena l'allarme in città

Molte persone hanno avvisato Carabinieri e Croce Rossa

Condividi su:

FOLLONICA - “Il Motorino incidentato” l’allegoria creata dagli alunni Ipsia di Follonica in occasione del carnevale 2015 ha provocato notevole attenzione in città ed anche qualche allarme.

L’opera costruita con materiali di recupero per sensibilizzare ulteriormente  (c’è anche una pubblicità sociale in Tv, in questi giorni) l’opinione pubblica sugli incidenti mortali, con scooter e motoveicoli, è stata sistemata al centro nel giardino del Casello Idraulico. Consiste in un motorino, un manichino, libri, casco, occhiali ecc posti su una lastra color rosso sangue. L’intenzione di invitare alla riflessione di tutti sul problema degli incidenti che, purtroppo, molto spesso coinvolge giovani ed appassionati delle due ruote a motore, è andata anche più in là del previsto.
Molti follonichesi hanno pensato si trattasse di un vero incidente con tanto di persona morta e motorino spostati, in attesa dei soccorsi, a terra dentro il giardino del casello. C’è chi ha telefonato ai carabinieri, chi si è rivolto alla Cri che si sono allertati per eventuali soccorsi. C’è chi invece ha  scattato foto spedite ai social media creando ulteriore allarme tra gli internauti. E’ successo insomma come con il Toro di Balzano  messo al centro di piazza del Popolo. Attenzione accresciuta a dismisura, commenti e diffusione di notizie anche ad arte per creare curiosità e qualche scherzo di cattivo gusto.
“Il motorino incidentato” rimarrà lì al giardino del casello per tutto il periodo carnevalesco con il suo intento ammonitore cosi come era accaduto con le prove all’ingresso dell’Istituto IPSIA, dei mesi scorsi, di cui il comitato carnevale aveva dato notizie tramite i giornali  cartacei ed on-line. Del resto anche nel programma del carnevale 2015 era stato notizia di questa realizzazione esclusiva dell’Istituto Professionale di Follonica.

Condividi su:

Seguici su Facebook