Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Dritti alla Meta: "Di che colore siamo? Ecco il nostro pensiero"

Il comunicato dell'associazione grossetana

Condividi su:

GROSSETO - "A tutti coloro che continuano a domandarci di che colore siamo, spesso mi verrebbe da rispondere se credono che sia davvero così importante identificare una persona, o delle persone, collocandoli sotto una stessa bandiera colorata. Io penso di no.

Le nostre idee politiche sono talmente varie che, viste dall’ esterno, si fa fatica a credere che non ci si accapigli dalla mattina alla sera e invece accade proprio l’ esatto contrario, abbiamo tante idee politiche diverse, ma l’ obiettivo comune, ci unisce in un’ unica marcia:” Dritti alla Meta” . Questo accade perché la nostra “Meta”, non è una poltroncina da occupare, non è consenso da guadagnare, non è un capobastone da seguire , non è un pulsante da spingere" perchè così vuole il partito…..” 
La nostra Meta è il benessere nostro e dei nostri compagni di viaggio, che sono i nostri parenti, i nostri vicini di casa, i nostri amici , i nostri concittadini. La nostra città, il mondo nel quale viviamo.
Crediamo davvero che la degenerazione di valori alla quale siamo arrivati in Italia, ma anche il degrado dei territori nei quali viviamo, sia il frutto del nostro disinteresse ad occuparci di quello che stava accadendo nel sistema di chi avevamo delegato ad amministrarlo…Si ,è vero, per troppi anni tutti noi abbiamo consegnato una delega in bianco a chi avrebbe dovuto amministrare i nostri beni pubblici, con “ la coscienza di un buon padre di famiglia” .
La nostra delega conteneva speranze, che sono spesso state disattese.
Oggi ci rendiamo conto che non abbiamo bisogno di un partito. Abbiamo bisogno di coscienze, coscienze per le quali la parola “onore” abbia ancora un senso compiuto, coscienze per le quali, essere delegati, significa sentirsi la responsabilità della vita di chi delega.
Dicono le “Upanishad” che alla fine dei tempi di un’ epoca buia “ gli uomini si aggireranno come ciechi guidati da un cieco”, un’ espressione che ben si adatta alla totale cecità di chi oggi si trova nella posizione di chi è delegato a decidere per la vita di tutti . E così, uniti da una reciproca affinità, non necessariamente riscontrabile sotto un “ombrello” di uno stesso colore, ma sicuramente comune a tutte le persone in possesso di una particolare sensibilità e mai divisi dai colori di diverse bandiere. 
Ci siamo trovati , noi, di “ Dritti alla Meta”, solamente un gruppo di “Coscienze”, per le quali, l’ importanza che si dà alla propria vita, è pari a quella che si dà alla vita degli altri."

 

 

Oriana Natali (Dritti alla Meta)

Condividi su:

Seguici su Facebook