Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Asl9: Daniele Testi è il nuovo direttore generale

Le dichiarazioni del sindaco di Grosseto Emilio Bonifazi

Condividi su:

GROSSETO - I sindaci presenti alla Conferenza provinciale unanimi sulla proposta di nomina di Daniele Testi come direttore generale della Asl 9

Gli amministratori locali hanno accolto la proposta dell'assessore Marroni. All'ordine del giorno anche lo stato di avanzamento della proposta di legge di riforma del sistema sanitario regionale

I sindaci presenti alla Conferenza provinciale che si è riunita oggi (ieri per chi legge) alla presenza dell'assessore regionale alla Salute, Luigi Marroni, hanno accolto all'unanimità la proposta dell'assessore stesso e hanno dato parere favorevole alla nomina di Daniele Testi come direttore generale della Asl 9, da parte della Regione.
Si chiude il periodo in cui Testi ha svolto il ruolo di facente funzioni, per aprire, successivamente alla ratifica della nomina, una fase in cui l'Azienda avrà di nuovo una Direzione al completo.

“Questo è un passaggio fondamentale – ha dichiarato il sindaco di Grosseto e presidente della Conferenza a dei sindaci, Emilio Bonifazi – vista la complessità delle sfide future che attendono la sanità locale. Seppur in attesa del commissariamento, si ricostituirà il gruppo dirigente nelle figure del direttore generale, sanitario e amministrativo che dovranno costantemente interloquire con gli amministratori del territorio”.

Nell'occasione della Conferenza dei sindaci, l'assessore Marroni ha illustrato lo “stato di avanzamento” della proposta di legge per la riorganizzazione del sistema sanitario regionale che al momento è all'attenzione del Consiglio.

Il dibattito con gli amministratoti locali si è svolto in un clima costruttivo, pur con spunti critici e l'unaime orientamento a vigilare costantemente su ogni passo dell'iter di legge.
Da parte sua l'assessore si è impegnato al costante confronto con gli amministratori, ribadendo, tra le altre cose, il pieno rispetto dei Patti territoriali che sono “scritti nel bronzo”, ha concluso.

Condividi su:

Seguici su Facebook