Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Clorofilla Film Festival: gli appuntamenti della settimana

Condividi su:

GROSSETO - Ecco gli appuntamenti di Clorofilla Film Festival della settimana.

Giovedì 12 marzo ore 17.45 (Circolo Arci Khorakhané – via U. Bassi, 62 – Grosseto – ingresso riservato ai soci Arci e associazioni confederate)

Presentazione libro “Senza poesia, nessun sogno, nessun futuro. Pensare poetico, pensare psicoanalitico”.
Che rapporto hanno i giovani con la poesia? Riesce il linguaggio della poesia ad inserirsi nell’offerta multimediale e dell’immagine di oggi? La scuola da sola puo’ coinvolgerli emotivamente al di la’ dei crediti formativi? Sono queste  alcune delle domande che ci porremmo presentando il libro “senza poesia nessun sogno nessun futuro, Pensare poetico pensare psicoanalitico”. Il testo frutto di relazioni presentate ad un convegno svoltosi nel 2014 in Grosseto a cura dell’ associazione Metis e dell’associazione artistica P. Tammaro ci offre alcuni spunti di riflessione sul senso del vivere poetico e su quanto sia importante che la poesia sia patrimonio culturale dei giovani e stimolo e crescita dell’animo umano.
Partecipano: Maria Paola Moretti, Presidente Associazione Metis, David Tammaro, Presidente Associazione Plinio Tammaro, Claudia Angeletti, Insegnante di lettere del Liceo Rosmini

Giovedì 12 marzo ore 18.00 (Museo di Storia Naturale della Maremma - strada Corsini, 5- ingresso libero)
Presentazione della mostra SIGNORINI, FATTORI, LEGA E I MACCHIAIOLI DEL CAFFE’ MICHELANGIOLO. RIBELLI SI NASCE
"I giovani ribelli che hanno segnato l’Ottocento toscano – spesso con gli scritti – ma soprattutto con la pittura, intendevano affermare il loro credo estetico con le opere e, a dispetto di una contemporaneità che non li apprezzava e forse allora li compativa, hanno continuato a lavorare nel tentativo di rieducare una società viziata dai preconcetti accademici e da una produzione commerciale che vedeva nell’arte soltanto materiale di arredo per le case della nuova borghesia". Così il Museo di Arte Contemporanea Lu.C.C.A. – Lucca Center of Contemporary Art presenta la mostra a cura di Maurizio Vanni e Stefano Cecchetto. In preparazione al viaggio culturale a Lucca, in programma per domenica 15 marzo, Mauro Papa presenta le opere in mostra e introduce la corrente dei macchiaioli.
INFO: Fondazione Grosseto Cultura, via Bulgaria 21 Grosseto - tel. 0564453128 -www.fondazionegrossetocultura.it || CEDAV, via Mazzini 97 Grosseto - tel. 0564488547 www.cedav.grosseto.it
Giovedì 12 marzo ore 18.00 (Archivio Foto Gori – via Porciatti, 10 – Grosseto – ingresso libero)
Fitoterapia in bianco e nero. L’ora del thé all’Archivio Gori
Altro appuntamento con la fitoterapia al Fondo Archivio Gori in collaborazione con il Dott. Stellini. Stavolta parleremo di erbe drenanti per la primavera e prepareremo una tisana a base di fiori di ciliegio e mais che sarà offerta in degustazione ai partecipanti.

Giovedì 12 marzo ore 18.30 (Casa Azul – via Fratti 1 A – Follonica – ingresso libero)
Il caffè filosofico. Si parla di “Potere e moneta” con Giovanni Morlino.
Scopo dell'incontro è illustrare le strategie usate dal mondo finanziario per plasmare le decisioni politiche che influenzano le nostre vite. Per far questo si propone un breve excursus storico che, a partire dalla crisi del 29' fino ai nostri giorni, descrive alcune tappe fondamentali che hanno condotto all'adozione dell'attuale sistema monetario, come gli accordi di Bretton Woods, la nascita della Banca Mondiale e del Fondo Monetario internazionale, la crisi petrolifera degli anni '70 e l'abbandono del Gold Standard. Discuteremo poi il ciclo di creazione della moneta e la sua immissione nel circuito economico. Particolare attenzione verrà data al concetto di interesse e al ruolo che esso ha nel trasferimento di ricchezza tra Paesi e tra diverse fasce della popolazione all'interno di uno stesso Paese.
Giovanni Morlino dal 2006 è impegnato nell’analisi del sistema finanziario internazionale e dei problemi monetari. Presidente di Arcipelago Scec Toscana. Astrofisico presso il Gran Sasso Science Institute.

Venerdì 13 marzo ore 18.00 (Museo di Storia Naturale della Maremma – Strada Corsini, 5 – ingresso libero)
Vi presento il mio libro: Flavio Fusi, Campi di fragole per sempre. Una cronaca infedele
Appuntamento con “Vi presento il mio libro”, ciclo dedicato agli scrittori che vogliono fare conoscere le loro ultime pubblicazioni. Fondazione Grosseto Cultura dà loro la possibilità di utilizzare gratuitamente la sala conferenze del Museo di Storia Naturale della Maremma, per organizzare una presentazione. Venerdì 13 marzo, alle ore 18, Flavio Fusi presenta il suo libro Campi di fragole per sempre. Una cronaca infedele. È vero: questo è un libretto di memorie, di ricordi. Un libro, in fondo, sommamente bugiardo. Vorreste un alter-ego, un Avatar, un sosia cattivo? Vorreste un Rashomon con la sua, doppia e tripla versione infamante? Rassegnatevi, non lo avrete. Questa è la “versione di Flavio”, e tanto basta. La memoria, lo sapete, è cosa rara. Ci distingue dalle bestie. E la memoria sceglie, taglia, lima, cancella, inventa, dimentica. Tradisce, infine, senza mai davvero tradire.
Insieme all’autore ne parlano Emilio Guariglia, giornalista, Lucia Matergi, presidente Istituto Gramsci. Letizia Stammati leggerà alcune pagine del libro.

Venerdì 13 marzo ore 20.30 (Circolo Arci Khorakhané – via Ugo Bassi, 62 Grosseto – ingresso riservato soci Arci e associazioni confederate)
Stasera cucino io – Cacciuccata
Menù - Sgombro al vino rosso, cacciucco. Acqua e un quarto di vino inclusi. Costo 17 euro.
Prenotazione obbligatoria: 349-0089398

Venerdì 13 marzo ore 22.30 (Casa Azul – via Fratti, 1 A – Follonica)
Concerto dei KALI
“La Libido Del Lunedì” è il nuovo lavoro registrato nel 2014 in studio dei Kali, formazione piemontese nata tra le province di Novara e Vercelli, dedita però ad un sound rock ed urbano. Sono forti i riferimenti letterari e cinematografici nelle canzoni scritte da Federica Folino G. insieme alla band, tra influenze di Murakami, Keruac e dei racconti di Crepax, personaggi strani e visionari e la musica che li accompagna è allo stesso modo fuori dagli schemi, tra sonorità alternative rock e new wave ed inserti di elettronica. Il gruppo ha all’attivo un ep “Canzonette per Narcisi Isterici”, stampato in vinile rosso a 45 giri, contenente quattro brani, realizzato nel 2012 ed un video-ep live, quasi un esperimento, “Darkroom Session”, disponibile su Youtube.

Sabato 14 marzo ore 17.30 (Museo di Storia Naturale della Maremma - strada Corsini, 5 - Grosseto)
Caffè della scienza: Il Territorio. La risorsa dimenticata
L'uomo moderno troppo spesso dimentica di essere parte integrante dell'ecosistema Terra. Lo stesso pianeta che ha reso possibile l'evoluzione della nostra specie e con il quale per millenni abbiamo vissuto in sintonia, a partire dall'era industriale e in un crescendo esponenziale di gravità, è stato ed è tutt'oggi violentato e sfruttato al punto tale da minare la stessa nostra esistenza (e quella di altre specie!) in un futuro sempre meno lontano. A nulla valgono la tecnologia e la scienza se non vengono rivolte in primis alla salvaguardia e tutela del nostro ambiente naturale. E l'"intefaccia" più prossima del nostro ambiente è il territorio. Per questo abbiamo scelto, assieme a Valter Sambucini, Responsabile del Settore Rete e Territorio di ISPRA (Istituto Superiore per la Ricerca Ambientale), di parlare di "Territorio, una risorsa dimenticata". La consapevolezza globale dipende da ciascuno di noi!

Sabato 14 marzo ore 22.30 (Circolo Arci Khorakhané – Spazio 72 - via Ugo Bassi, 72 Grosseto – ingresso riservato soci Arci e associazioni confederate)
Concerto di MADAUS
Madaus nasce dall'incontro di tre musicisti dell'Accademia della musica di Volterra:
Aurora Pacchi, voce - Antonella Gualandri, piano - David Dainelli, basso.
L'atmosfera della città di Volterra fa da sfondo al lavoro del gruppo, una realtà segnata dalla presenza del manicomio, che è fonte viva di ispirazione per il loro primo lavoro, “La Macchina del Tempo”.
MADAUS è la pronuncia italianizzata della corrispondente parola inglese per manicomio, madhouse.
Partendo dalla tradizione della musica italiana, il suono acquista nuova vita, attraverso la rielaborazione di alcuni strumenti, come la batarra (un basso composto con due corde da basso e due corde della chitarra) e l'utilizzo in concerto di un microfono in carbone e alabastro.
È proprio l'autenticità del suono a caratterizzare le storie della “Macchina del Tempo”.

Domenica 15 marzo ore 18.30 (Circolo Arci Khorakhanè – Spazio 72 – via Ugo Bassi, 72 – Grosseto – prenotazione al 392-0686787 – teatrostudio@gmail.com – ingresso 8 euro)
Teatro Studio presenta “Tre pezzi cento lire”
L’eclettica Compagnia del Teatro Studio di Grosseto, esce dal ruolo di organizzatrice e presenta la nuova produzione di Teatro Popolare, “Tre pezzi cento lire”, dall’ultimo lavoro di LUCIANA BELLINI, che con la consueta arguzia e semplicità, ripercorre quel periodo cruciale della nostra storia, i primi anni cinquanta, l’avvento della plastica, degli elettrodomestici, del benessere apparente, che ha cambiato volto alla società. Ci sarà da ridere teneramente, ma non si potrà fare a meno di cogliere un’amara analisi, che ora più che mai mostra i risultati di scelte scellerate.

Giovedì 19 marzo ore 21.30 (Circolo Arci Khorakhanè – Spazio 72 – via Ugo Bassi, 72 – Grosseto – ingresso 15 euro solo spettacolo – 25 euro spettacolo e cena a buffet – per entrare, inoltre, è necessario avere la tessera Arci o quella di associazioni confederate – la tessera Arci può essere fatta in loco ed è valida su tutto il territorio nazionale)
Circolo Arci Khorakahanè –Spazio 72 e P.T.P. Cose di Spettacolo presentano “SHAKESPEARE IN HAVANA Poeti Improvvisatori Cubani in Tournée” con la partecipazione di DAVID RIONDINO
Sotto la competente direzione in scena di Alexis Pimienta, ottimo improvvisatore ma anche scrittore, studioso della materia, e soprattutto grande animatore, e accompagnati da David Riondino che tradurrà in diretta garantendo la comprensibilità anche letteraria dell’evento, gli otto poeti daranno un saggio di quella che è ancora un’arte viva e di formidabile impatto. Nella prima parte dello spettacolo si chiariranno i termini del gioco: il pubblico suggerirà temi da cantare, e i poeti si lanceranno in “decime” intonate sulle diverse melodie della tradizione del canto a braccio, contrastando tra di loro. I temi saranno dati dal pubblico.
Sarà ancora il pubblico a decidere quale opera di Shakespeare (ma non solo) metteranno in scena i poeti/attori: e chi di loro sarà Ofelia, Amleto, Romeo, Mercuzio. Una volta assegnati i ruoli, i poeti cominceranno a cantare in versi le ragioni del personaggio, sotto la direzione in scena del maestro dei giochi Alexis Diaz Pimienta, che condurrà la trama in porto, integrando i contrasti tra i caratteri con delle digressioni improvvisate in decime che portino avanti la trama.
Dato il numero dei limitato dei posti (60) è gradita la prenotazione entro Martedì 17 Marzo ai seguenti indirizzi:
info.spazio72@gmail.com tel: 349 0089398
ptp@eventigmail.com tel: 338 6814332

(La mostra “Borgo Tripoli. E la prima Grosseto fuori le mura” a cura dell’Archivio Foto Gori (sede del Fondo Gori – via Porciatti, 10) è aperta  fino a 21 marzo. La mostra in questo periodo ha i seguenti orari: 16.00 – 20.00. Su prenotazione al 340 5281379 o 0564 27258 apertura antimeridiana per le scuole e gruppi di visitatori)

Fino al 29 marzo a Casa Azul la mostra “Io sono Frida” a cura di Babila Bonacchi. "Frida è la prima donna nella storia dell'arte ad aver affrontato con assoluta e inesorabile schiettezza, si potrebbe dire in modo spietato ma nel contempo pacato, quei temi che riguardano esclusivamente le donne", cosi la descriveva il suo amato Diego ed è per questo che la mostra si svolgerà proprio l'8 marzo, data importante per le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne. Frida Kahlo è stata una donna complessa, una grande pittrice, una politica, una passionaria ed impossibile cercare di inquadrarla in un unico stile artistico o categoria sociale.
Gli artisti che saranno presenti alla mostra, hanno interpretato, ognuno secondo i propri mezzi, questa donna/icona, traendo spunto dalla sua vitae dalla sua pittura.
Opere di: Babila Bonacchi "Viva la Vida", Alessandro Burato "Senza titolo", Cinzia Canneri "Piedi per volare", Giacomo Cheli "Mona Frida & The Others", Michele Guidarini "Senza Frida", Kime "Senza titolo", Mannari Enrica "Frida", Ohioja (Ylenia Tagliafraschi) "Senza titolo", Gianni Orlandini "Io sono Frida" (con la collaborazione di Daniele Canuti), Paola Pacini "Gioia di Frida", Virginia Sifoni "Fridagalgo", Giuditta Solito "F.R.I.D.A", Francesca Starkey "Life in technicolor", Vinil "Senza titolo".

Condividi su:

Seguici su Facebook