Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Sandro Marrini, Forza Italia: "Degrado e sporcizia sulla strada provinciale Aurelia"

"Rotatorie completamente abbandonate, con erba alta e rifiuti"

Condividi su:

FOLLONICA - "Rotatorie nel degrado, con erba alta e sporcizia. E’ questa l’immagine che emerge della Maremma passando dalla strada provinciale Aurelia, che guida i turisti tra le varie località costiere. Le condizioni degli svincoli sono in condizioni disastrose ormai da settimane e le autorità di competenza, principalmente la Provincia ma anche i Comuni, non fanno niente per cambiare la situazione. A maggior ragione se si pensa che queste sono le prime occasioni in cui sarebbe necessario fornire massima accoglienza ai visitatori. E le rotatorie sono uno dei principali biglietti da visita, rappresentando gli ingressi alle principali località turistiche della nostra terra. L’esempio lampante è quello che accade tra Follonica e Gavorrano, dove l’erba è cresciuta al punto da togliere la visuale a chi guida. Basta passare da Pratoranieri per accorgersi che la situazione è a dir poco imbarazzante: piante alte quasi due metri costituiscono una sorta di barriera all’altezza dell’incrocio che porta verso uno dei principali quartieri turistici del Golfo. E’ questo il messaggio che le amministrazioni di centrosinistra vogliono dare a chi ha scelto la Maremma come meta delle proprie passeggiate o delle vacanze? Così trascuratezza e degrado fanno da padroni. Quanto bisognerà ancora attendere per vedere un intervento da parte degli organi di competenza? Anche se non sta ai Comuni mettersi all’opera, questi avrebbero il compito di segnalare alla Provincia eventuali carenze e pretendere provvedimenti. Chiedo l’appoggio dei maremmani in occasione delle elezioni del 31 maggio per il rinnovo del Consiglio regionale, al quale sono candidato per Forza Italia: c’è bisogno di una rappresentanza locale nelle sedi decisionali toscane."


Sandro Marrini
candidato consigliere regionale Forza Italia

Condividi su:

Seguici su Facebook