Rabazzi, Cia : "Se l'Europa crede nel settore primario smetta di razzolare male e cambi passo"

"Uno dei settori vitali rischia di essere messo in ginocchio da politiche ottuse"

| Categoria: Attualità
STAMPA

GROSSETO - "In provincia di Grosseto il settore zootecnico, anche se in crisi come d’altronde tutto il settore agricolo, oggi riesce ancora a  rappresentare uno di quelli che maggiormente genera introito economico:  proprio questo comparto infatti muove annualmente cifre che si aggirano attorno ai 100 milioni di euro. Malgrado ciò proprio questa realtà ora rischia il tracollo definitivo a causa di politiche poco attente e della crisi che non trova la parola fine” Lo afferma il vicepresidente regionale e presidente di Grosseto Cia- Confederazione Italiana Agricoltori Enrico Rabazzi in merito alla manifestazione organizzata a Bruxelles dove Cia Grosseto, in collaborazione con Cia Nazionale, ha inteso sostenere le istanze degli agricoltori Italiani.

“ La situazione della zootecnia grossetana, toscana e in generale italiana” ha specificato Rabazzi “ sta diventando sempre più insostenibile, gli agricoltori, nonostante i sacrifici non solo non riescono a far fronte alle pesanti conseguenze di questa interminabile crisi, ma devono continuamente combattere con una politica nazionale sorda e ottusa e con direttive europee che poco sembrano favorire il comparto. Dalla carne, sempre più in difficoltà a causa della volatilità dei costi delle materie prime con la forte dipendenza dall'estero dei ristalli, ai prezzi dei bovini e dei suini da macello fermi da mesi, per arrivare al settore lattiero-caseario, possiamo dire che questo settore strategicamente importante anche per la Maremma necessita di certezze per il futuro e di prospettive reddituali.

"Per questo” aggiunge Rabazzi “oggi abbiamo  manifestato insieme agli altri agricoltori europei, per esigere che i Governi dell'Unione non chiudano gli occhi dinanzi a questa tragedia annunciata. Se la politica tutta intende non stare a guardare un malato terminale morire deve subito attuare degli interventi a breve termine per esempio ristrutturando il debito delle aziende zootecniche e avviando un piano di promozione istituzionale per il settore e politiche a lungo termine che finalmente vadano nella direzione della salvaguardia di questo nostro patrimonio. Se l’Europa come dice è unita e crede nel mondo agricolo, se il settore primario è quello che può sfamare il pianeta ebbene ora è il momento di passare dalle parole ai fatti”

Contatti

redazione@grossetooggi.net
mob. 338.1604651
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK