Rabazzi (Cia): "Caporalato, guai ad abbassare la guardia in Maremma"

"Dove non c'è rispetto del lavoro non possono nascere prodotti di eccellenza"

| Categoria: Attualità
STAMPA

GROSSETO - “Come Cia torniamo a ribadire la nostra volontà a combattere con ogni mezzo lecito il fenomeno del caporalato. Una tragica piaga che assume importanza a seguito di qualche scoop giornalistico ma che cade nel dimenticatoio subito dopo. Le morti nei campi sono invece una realtà deplorevole e le ultime stime parlano di circa 100 mila nuovi schiavi” 

A sottolineare la drammaticità del fenomeno e a ricordare che la lotta al  lavoro nero e al caporalato sono due principi cardine che guidano l’azione sindacale della Confederazione Italiana Agricoltori, è Enrico Rabazzi  Vicepresidente regionale  e presidente grossetano dell’associazione. “E’ impensabile e allo stesso tempo ipocrita parlare di prodotti di eccellenza se la qualità non è legata alla  dignità del lavoro e della vita delle persone-precisa Rabazzi-per questo sollecitiamo con forza che le autorità non spengano i riflettori su questa piaga. Al contrario chiediamo un’azione repressiva e mirata verso chi sfrutta i lavoratori, contemporaneamente però  proponiamo azioni positive e di sostegno delle aziende agricole “sane”.   

Attaccare tutto il mondo agricolo, come successo qualche mese fa a seguito di una vicenda che è partita proprio dalla Maremma, non solo ci sembra poco corretto e denigratorio verso coloro che si impegnano a rispettare le norme in materia di lavoro, al contrario rischia di produrre un grande  effetto polverone dove i poco onesti possono eludere i controlli e le forze dell’ordine. Come Confederazione-ha aggiunto Rabazzi-siamo certi che la quasi totalità degli agricoltori opera nella trasparenza e nella piena legalità,  svolgendo un ruolo produttivo, sociale ed educativo centrale per il sistema Paese nel suo complesso, tuttavia siamo anche  pronti a fare la nostra  parte laddove ci sono le mele marce. 

Ciò che invece non accettiamo è che si faccia di ogni erba un fascio, come già avvenuto nei mesi scorsi da parte di qualche altro sindacato,  che si colpevolizzino a priori gli imprenditori agricoli ,  che si attivino norme che si traducono in controlli asfissianti e inopportuni  a danno delle aziende regolari. Per questo- conclude Rabazzi – chiediamo  azioni premiali e di sostegno verso le imprese agricole sane, che ci sentiamo di assicurare sono la maggior parte, e contestualmente chiediamo  incentivi alle assunzioni, semplificazione amministrativa, un cambiamento del sistema di vigilanza sul lavoro oltre a un’azione  congiunta di associazioni d’impresa, sindacati e Pubblica amministrazione. Tutto questo se vogliamo salvaguardare  sotto ogni profilo, anche quello del brand  Made in Italy, l’immagine dei nostri prodotti e delle nostre filiere.”  

Contatti

redazione@grossetooggi.net
mob. 338.1604651
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK