Invasioni digitali.

| di marco vannini
| Categoria: Attualità
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Grosseto- Al via le invasioni digitali. Sincronizzare scuola e territorio è l’obiettivo del Progetto Maremma Networking ideato dall’esperto di

turismo territoriale Giancarlo Dell’Orco, far dialogare tra loro tutti i protagonisti del settore turistico per

trovare una reale sinergia di intenti che dia slancio ad un comparto economico fondamentale per la

Maremma. Il superamento degli individualismi e la convergenza di programmi e politiche nei rispettivi

territori di appartenenza, attività feconda e lungimirante nel lungo periodo, può essere la sola risposta per

dare alla Maremma un sistema di servizi, opportunità per gli studenti e le imprese. La creazione di una

“Didattica Territoriale” strutturata, la formazione di nuove figure professionali in riferimento al fabbisogno

delle singole esigenze delle imprese filiera turistica ( strutture ricettive, enti locali, agenzie di viaggio,

musei, consorzi, guide…altro) per migliorare in termini di accoglienza, risorse umane necessarie per lo

sviluppo di una destinazione , sviluppo di prodotto turistico tematico ed adeguamento alle richieste del

turismo nazionale e internazionale.

Tra la programmazione che vede gli studenti seguire la “Rete Museale della Maremma” si svolgeranno

anche le “INVASIONI DIGITRALI” guidati dall’esperta digital Cinzia Tagliaferri che ha realizzato lezioni

tecniche a Grosseto, Sorano e Manciano per trasmettere le buone pratiche per una perfetta invasione

digitale . Cosa sono le invasioni digitali?

Le “Invasioni Digitali”, è un’iniziativa nazionale che promuove il patrimonio artistico culturale e il territorio

attraverso il web e i social media, e rinnova il suo appuntamento dal 22 aprile all’8 maggio 2016

( www.invasionidigitali.it ). Persone che mirano a promuovere la cultura artistica e storica del territorio

diffondendo anche maggior consapevolezza digitale e di utilizzo degli strumenti del web e dei social media

per realizzare programmi innovativi rivolti alla co-creazione di valore culturale.

Quest’anno per la prima volta e in forma sperimentale gli Invaders sono 3 classi di studenti dell’Istituto

scuola superiore :

F. Zuccarelli - Sorano - Classe 3 A – Indirizzo Linguistico

F. Zuccarelli - Manciano – Classe 3 A – Scientifico

V.Fossombroni - Grosseto – Classe 3 M indirizzo turistico

L’esperienza dell’invasione digitale nel Museo permette ai ragazzi di avvicinarsi a luoghi di cultura non più

in modo passivo, bensì come veri interpreti della narrazione e nella condivisione della storia e della cultura

territoriale #laculturasiamonoi . Il prossimo anno scolastico le invasioni digitali saranno ampliate a tutti

gli istituti e le classi che partecipano al progetto “Maremma Networking”

Cosa Invadono gli studenti?

VENERDI’ 22 APRILE 2016 Ore 10:30 – Museo MAAM - GROSSETO

“Il Museo Archeologico e d’Arte della Maremma – Museo di Arte Sacra della Diocesi di Grosseto, occupa nel

centro di Grosseto il Palazzo ottocentesco del Vecchio Tribunale. Articolato su tre piani divisi in cinque

sezioni e quaranta sale, percorre tutta la storia della Maremma dalla preistoria alla nascita delle città

etrusche, dalla conquista romana al Medioevo e fino all’età moderna, attraverso documenti di archeologia

e di arte.” Invadiamo il Maam! hashtag : #InvadiamoMuseoMaam #InvasioniDigitali #MuseidiMaremma

#bellodimaam

GIOVEDI’ 05 MAGGIO 2016 Ore 10:30 – Area Archeologica città del tufo -SORANO

Nel Parco “Città del Tufo”, nel comprensorio del comune di Sorano, i ragazzi potranno interagire con un

paesaggio rimasto intatto nel tempo. La necropoli etrusca di Sovana è ricca di tombe rupestri

monumentali tra le quali l’Ildebranda, le tombe Pola, del Tifone, della Sirena, le numerose tombe a

semidado e ultima in ordine di scoperta la tomba dei Demoni alati. hashtag :

#InvadiamoilParcoArcheologico #InvasioniDigitali #MuseidiMaremma #NecropoliSovana

VENERDI’ 06 MAGGIO 2016 Ore 10:30 – Museo Preistoria e Protostoria della Valle del Fiora -MANCIANO

Il museo è stato inaugurato nel 1985 con l’intento di ricostruire la vita delle comunità presenti nel territorio

della Valle del Fiume Fiora prima della comparsa della civiltà etrusca, dal Paleolitico all’Età del Bronzo.

L’esposizione è suddivisa in quattro sale, visivamente distinguibili anche tramite una suddivisione

cromatica. Il percorso museale parte da una sala didattica che presenta il territorio e i metodi di ricerca

archeologica. Prosegue poi attraverso sale espositive caratterizzate ciascuna da un colore che identifica il

periodo storico: turchese per il Paleolitico, rosso per il Neolitico, giallo per l’Eneolitico e blu per l’Età del

Bronzo. La grande novità di questo museo è l’esperienza multimediale: ogni pannello esplicativo è

accompagnato da un QR code che permette al visitatore di accedere ad approfondimenti su internet e

traduzioni. La visita ad ogni sala è aiutata da un video e immagini ad alta qualità ed inquadra il periodo

cronologico e ne spiega le peculiarità. Il visitatore viene dotato al momento dell’entrata di un tablet per

usufruire al meglio l’esperienza. La tecnologia aiuta anche nella visita di una tipica capanna preistorica:è

presente infatti la ricostruzione di una capanna in 3D.

Attraverso questi strumenti il museo cerca di facilitare la comprensione dei suoi contenuti, ma anche di

attirare giovani e bambini. hashtag #invadiamoMuseoPreistoriaeProtostoria #InvasioniDigitali

#laculturasiamonoi

Si ringraziano le amministrazioni comunali di Manciano assessore Giulio Detti , Sorano assessore Tiziana

Peruzzi e Grosseto assessore Giovanna Stellini . La direzione dei Musei di Grosseto e Manciano e Area

Archeologica di Sorano.

marco vannini

Contatti

redazione@grossetooggi.net
mob. 338.1604651
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK