Prima applicazione della legge anti suicidi a Grosseto: il Tribunale emette il provvedimento

Anche in provincia di Grosseto i debitori adesso hanno la possibilità di ridurre l’ammontare del debito

| di Davide Lesti
| Categoria: Attualità
STAMPA

GROSSETO - Anche in provincia di Grosseto i debitori potranno, grazie a un provvedimento rilasciato il 19 gennaio scorso dal Tribunale di Grosseto, ridurre o addirittura dimezzare l’ammontare del proprio debito.

 

La legge n. 32012, meglio nota come legge anti suicidi, prende spunto dal caso di un agente di commercio titolare di partita IVA che, oberato dai debiti fiscali e previdenziali e con un notevole calo di attività, aveva tentato di pagare i debiti rateizzandoli, anche con Equitalia, ma alla fine ha dovuto gettare la spugna. Non si è perso però d'animo e si è rivolto alla sede locale dell’Mdc (Movimento difesa del cittadino), che si trova nell’ex Enaoli di Rispescia, la quale ha fatto ricorso al Tribunale che, dopo un primo provvedimento negativo, lo ha finalmente accolto. Il debito totale si è più che dimezzato e il rimanente è stato poi pagato in rate sostenibili, che consentono un rientro dalla posizione debitoria.

 

“Anche nel nostro Tribunale di Grosseto – ha spiegato l’avvocato Roberto Vannetti, presidente del Movimento difesa del cittadino di Grosseto - si va quindi formando una giurisprudenza favorevole che utilizza una delle poche leggi sensate del nostro ordinamento a cui tutti i soggetti, titolari di partita IVA e semplici consumatori, possono accedere. Tutto questo purché non siano società soggette alla legge fallimentare”.

 

Per maggiori informazioni è possibile contattare la sede locale di Mdc chiamando lo 0564.405907 oppure scrivendo a grosseto@mdc.it.

 

Davide Lesti

Contatti

redazione@grossetooggi.net
mob. 338.1604651
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK