Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Giovanisì: torna l'appuntamento con "accenti in tuor"

Condividi su:

GROSSETO - Torna l’appuntamento con Giovanisì, il progetto di Regione Toscana per l’autonomia dei giovani e questa volta a parlare delle opportunità offerte saranno i ragazzi che ne hanno beneficiato fino ad ora. Così, dopo i due eventi di presentazione di Accenti-autonomi racconti di Giovanisì che si sono svolti nei mesi scorsi con Niccolò Fabi, il tour di Accenti, che è partito a settembre e che toccherà le 10 province toscane, arriva a Grosseto, venerdì 18 dalle ore 17.30 nello spazio creativo Officina, in via Sicilia 25.  

Durante l’iniziativa, organizzata in collaborazione con l’associazione Clan di Grosseto, oltre alle testimonianze dei ragazzi beneficiari che parleranno di Tirocini, Casa, Servizio civile, Fare Impresa, lavoro, Studio e formazione, è in programma anche la performance “Lapsus in fabula” di  Cosimo Postiglione.

La partecipazione è libera, ma è comunque è gradita l’iscrizione alla mail grosseto.provincia@giovanisi.it

Cos’è Accenti:
Giovanisì, il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani,  ha raccolto intorno a sé centinaia di storie, speranze, obiettivi, idee.  Ecco che  è una ‘piattaforma’ capace di comunicare quanto è scaturito e scaturisce da questo progetto. Un percorso che racconta e racconterà una, cento, mille carriere di giovani toscani che hanno usufruito o stanno usufruendo delle opportunità del progetto Giovanisì attraverso un blog (accenti.giovanisi.it), un libro, un video e degli eventi.

“Accenti in tour” è  il naturale proseguimento de “I giovani raccontano Giovanisì”, percorso che nel 2012 ha previsto interventi territoriali sperimentali (uno per Provincia) in collaborazione con Upi Toscana e con gli sportelli mobili Giovanisì in cui la Regione andava ad ascoltare sia le storie di giovani beneficiari di Giovanisì sia le istanze di tutti coloro che dal territorio desideravano portare i propri bisogni, le proprie idee e suggerimenti per il miglioramento del progetto regionale.

Condividi su:

Seguici su Facebook