Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Piazze d' Europa: ritorno a Follonica? Sì comunale e della Fiva Confcommercio

Condividi su:

FOLLONICA - La presenza della manifestazione “Piazze d'Europa” nella città del golfo per il 2014 è ancora lontana dall'essere sicura ma, intanto, arrivano notizie rassicuranti sugli sforzi prodotti per garantirne lo svolgimento. Piena disponibilità e impegno da parte dell' amministrazione follonichese per accogliere nuovamente l'evento: “Abbiamo sempre lavorato per promuovere Piazze d'Europa e lo stiamo facendo ora più che mai”, dichiara l'assessore alle politiche produttive Barbara Pinzuti – “attendiamo di incontrarci con gli organizzatori ma il Comune di Follonica già ha dato piena disponibilità per le date in tutto il mese di Marzo 2014”.

Anche la Federazione Italiana Venditori Ambulanti di Grosseto, co-organizzatrice della manifestazione, ha dato pieno appoggio al ritorno sul mare delle piazze con le parole del presidente Fiva Confommercio provinciale Agostino Ottaviani: “Dopo il mese di novembre prossimo incominceremo a programmare il calendario del prossimo anno e di concerto con la Fiva nazionale a Roma presenteremo una serie di date per far tornare Piazze d'Europa a Follonica”.

Dalle date proposte sono già state escluse dalla Fiva quello di Pasqua, “dopo le proteste di questo anno abbiamo deciso di non proporlo” - dichiara Ottaviani - ”questo per venire incontro a tutti e non lasciare spazio a nessun attrito”. La manifestazione infatti questo anno ha subito una battuta d'arresto nel golfo a causa delle proteste di alcuni ristoratori perchè si sarebbe dovuta svolgere proprio durante il ponte pasquale, creando un mancato guadagno per questi ultimi.

Intanto in rete cresce il consenso per il ritorno delle Piazze, sul social network Facebook il gruppo “Sì a Piazze d'Europa” ormai conta più di 1800 iscritti ed è in continua crescita e fermento. Nessuna notizia invece da parte dei detrattori sulle piazze europee, che ancora non hanno fatto sentire la loro voce a riguardo della vicenda.

 

Condividi su:

Seguici su Facebook