Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Niente più bancomat a Giglio castello, la protesta del gruppo di minoranza

Attilio Brothel:"vogliamo che il Sindaco parli con il Gruppo bancario Intesa San Paolo per scongiurare tale eventualità"

Condividi su:
ISOLA DEL GIGLIO - "Giglio Castello, dopo la chiusura dell'unica rivendita di giornali, ora siamo anche senza bancomat.
Siamo venuti a conoscenza – dice Attilio Brothel del gruppo di minoranza consiliare dell'Isola del Giglio - della decisione del Gruppo Intesa San Paolo ( di cui la Banca CR Firenze fa parte ) di cessare l'operatività dello sportello bancomat di Giglio Castello nel prossimo mese di Febbraio.
Vorremmo far notare alla Dirigenza del suddetto Gruppo Bancario che non si puo' unicamente guardare i numeri o meglio che i numeri vanno guardati in maniera globale.
Se lo sportello bancomat non è remunerativo ( sia per l'onerosità della "ricarica" che per la scarsa attività nei mesi invernali) lo è certamente la "storica" Filiale della Banca CR Firenze ( prima Cassa di Risparmio di Firenze) presente sull'isola da diversi decenni e che, grazie ai gigliesi, ha sempre prodotto ( presumiamo, altrimenti usando lo stesso metro sarebbe stata chiusa ) cospicui utili. Pertanto, guardando appunto i numeri nel suo insieme, il saldo è sempre ampiamente positivo e non riteniamo accettabile tale chiusura; probabilmente non sarà la sola prevista dalla banca CR Firenze, ma l'unica che riveste caratteri di atipicità che vanno considerati sia per la particolare logistica dell'isola , che per la sempre maggiore necessità di tali strumenti in virtù della sempre maggiore diffusione di carte bancomat che evitano il portarsi dietro contanti.”
“C'è un effettivo motivo di indignazione e di preoccupazione – conclude Brothel -  nel vedere che un altro strumento utile ai cittadini e ai turisti, come lo è uno sportello bancomat, venga chiuso al Castello.
Richiediamo, quindi, di voler concordare urgente appuntamento con i vertici del Gruppo Bancario Intesa San Paolo al fine di scongiurare tale eventualità che penalizzerebbe oltremodo l'abitato di Giglio Castello  con riflessi negativi anche per l'offerta dei servizi turistici dell'isola.”
Condividi su:

Seguici su Facebook