Comune unico "Città dell'Amiata": proseguono le consultazioni

Gambetta Vianna (Ncd): “Ok consultazione dei sindaci per via telematica”

| Categoria: Attualità
STAMPA

GROSSETO - Procede l’iter per la proposta di legge presentata dal capogruppo di Più Toscana/Nuovo Centrodestra in Consiglio regionale, Antonio Gambetta Vianna, e sostenuta dal consigliere di PT/Ncd Gian Luca Lazzeri, per fondere i Comuni di Arcidosso, Castel del Piano, Santa Fiora e Seggiano in un unico Comune con la denominazione “Città dell’Amiata”.

«La commissione – spiega Gambetta Vianna – ha deciso, sua mia espressa richiesta, che i sindaci dei quattro Comuni interessati dalla proposta vengano consultati per via telematica. E questo soprattutto nell’ottica dell’ottimizzazione dei costi al fine di far risparmiare i viaggi ai quattro primi cittadini verso Firenze. I sindaci a partire da oggi avranno trenta giorni di tempo per riunire i rispettivi Consigli comunali e fornire un parere preciso sulla proposta».

A questo punto, sentite le Amministrazioni, «decideremo se proseguire con l’iter oppure se ritirare la proposta. E questo non perché non crediamo nel processo di fusione, altrimenti non avremmo presentato la proposta di legge, ma perché non vogliamo che i soldi pubblici vengano sprecati. Quando le Amministrazioni si mettono di traverso, ed il caso della recente consultazione in Val di Bisenzio in provincia di Prato ne è un esempio lampante, ai cittadini – conclude Gambetta Vianna – non viene fornita la dovuta informazione e così il popolo non può scegliere coscientemente se votare “sì” oppure “no” al Comune unico».

Contatti

redazione@grossetooggi.net
mob. 338.1604651
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK