Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Ancora un ritrovamento sulle spiagge di Follonica

Affiora la carcassa di una capra

Condividi su:

FOLLONICA - A pochi giorni dalla scoperta di una pecora e, successivamente, dei resti umani, il mare a Follonica restituisce la carcassa di una capra. L'animale è stato ritrovato a poca distanza, circa 500 metri, dalla posizione in cui martedì è stato rinvenuto il cadavere sconosciuto, sempre nella spiaggia di fronte al villaggio turistico Golfo del Sole. Sono macabri i particolari che presenta la carcassa: la testa appare completamente scarnificata, a differenza del buono stato di conservazione per il resto del corpo, mentre due pezzi di legno sono stati inseriti nelle narici dello sfortunato animale e questo prima che l'animale finisse in mare. Ignoti poi, al suo ritrovamento in spiaggia, hanno tentato di dare fuoco alla carcassa accendendo delle stoppie, riuscendo soltanto a bruciare una porzione di peluria. Una storia piena di spregio nei confronti degli animali, che segue a brevissima distanza i fatti criminali contro i lupi avvenuti a Scansano e che denota quanto l'ignoranza e la cattiveria possono essere insite nell'uomo. Sul posto gli agenti della Polizia Municipale follonichese, che hanno provveduto a segnalare lo sfortunato animale per far procedere alla sua rimozione. Una serie di eventi legati alle spiagge follonichesi, dai ritrovamenti alla distruzione della duna di Prato Ranieri fino alla pulizia straordinaria delle spiagge dopo il maltempo senza contare la frana al fosso Cervia, che per molti cittadini appaiono come un campanello di allarme per il fragile ambiente costiero nella città del golfo e non solo, una situazione che necessita di un'attenzione e una gestione ben diversa, secondo il pensiero di tanti follonichesi.

Condividi su:

Seguici su Facebook