Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Ariganello: "Liberiamo Follonica dall'eternit"

"Un problema tutt'ora irrisolto nella città del Golfo"

Condividi su:

FOLLONICA - Gesuè Ariganello, candidato Pd, interviene su un tema molto importante per la comunità di Follonica. "Nella nostra città il problema eternit è annoso e tutt'ora irrisolto. E’ notoriamente conosciuta la cancerogenicità di questo materiale. L' eternit oggi presente su molti capannoni industriali e non solo, deve essere smaltito. Questa operazione da un lato andrà a risolvere un problema ambientale critico della nostra città e parallelamente porterà comunque opportunità di lavoro per le imprese artigiane del settore. Per me è importante mettere in atto tutte le iniziative possibili per un rilancio dell’edilizia anche e soprattutto quelle che fanno bene all'ambiente e alla salute dei cittadini. Una volta sindaco incentiverò ogni impresa o singolo cittadino nella sostituzione dei tetti in eternit con pannelli fotovoltaici o altri tipi di strutture a basso impatto ambientale. Naturalmente per prime dovranno essere sistemate tutte quelle strutture pubbliche che ne hanno bisogno con un investimento economico che ci porterà grandi vantaggi in un prossimo futuro. Il Comune stesso si dovrà fare promotore di un piano serio e determinato che in un tempo stabilito elimini questo pericoloso inquinante in modo definitivo da tutto il territorio. Perché il piano funzioni serve che le pratiche amministrative autorizzative siano semplificate. L’ufficio ambiente, già oggi esistente, dovrà aiutare il cittadino seguendolo passo dopo passo. Naturalmente dovrà esserci un coinvolgimento diretto della futura Amministrazione nel contattare le ditte specializzate che possano rendere minimamente oneroso per il cittadino lo smaltimento del rifiuto stesso. Quanto esposto dimostra che un rilancio reale dell’edilizia può andare tranquillamente “a braccetto” con l’ambiente oltre a ridare occupazione a una buona fetta di famiglie follonichesi".

Condividi su:

Seguici su Facebook