Festa "doppia" a Santa Lucia

La parrocchia festeggia la promessa della Gioventù Francescana e i 90 anni di p. Vuga

| Categoria: Attualità
STAMPA

GROSSETO - Doppia festa, oggi (domenica 23 marzo) alla parrocchia Santa Lucia di Grosseto: durante la Messa delle 11.30, 42 giovani hanno pronunciato la loro Promessa nella Gioventù Francescana, mentre p. Valentino Vuga ha festeggiato con tutta la comunità parrocchiale i suoi 90 anni e l’anniversario dei 65 anni di sacerdozio. A presiedere la solenne concelebrazione eucaristica è stato p. Stefano Baldini Orlandini, ministro provinciale dei frati minori cappuccini della Toscana; con lui i frati della parrocchia di Santa Lucia e alcuni confratelli giunti da altre case della Toscana per far festa a p. Valentino.

Durante la processione offertoriale i giovani hanno portato all’altare anche un paio di scarpe consunte dall’uso, simbolo dei tanti fratelli costretti a fuggire dalle loro terre in cerca di una vita più dignitosa: è stato il loro semplice pensiero per i profughi che da venerdì sono accolti anche sul nostro territorio.
Felice p. Valentino, che ha ringraziato tutta la parrocchia, i parenti giunti da varie zone d’Italia, i confratelli cappuccini per l’esperienza di vita vissuta in tanti anni. Al religioso e ai giovani è arrivata anche una bella lettera del vescovo Rodolfo, impegnato a Loreto con i giovani dell’Unitalsi della Toscana.
Al termine della liturgia, il ministro provinciale dei cappuccini ha annunciato alla comunità parrocchiale l’arrivo – tra alcuni giorni – di un nuovo religioso: si chiama p. Erik, è originario della Tanzania e attualmente presta servizio come cappellano all’ospedale fiorentino di Careggi. P. Erik non è il primo religioso di origini straniere ad arrivare a Santa Lucia: già in passato fu una presenza preziosa e gioiosa quella di fr. Lucke, cappuccino indiano.

Qualche dato biografico su p. Valentino
P. Valentino è nato a Gorizia il 23 marzo 1924. Nel 1932 arriva a Grosseto con la famiglia, perché il padre aveva trovato lavoro in Maremma; l’anno successivo si trasferisce coi genitori e la sorella a Fonteblanda. Capace negli studi, per permettergli di continuare il suo percorso di istruzione dopo le scuole elementari, i genitori lo mandano a Poppi dai Cappuccini: qui scopre la vocazione alla vita religiosa e prosegue il suo cammino di formazione. Il 12 marzo 1949 viene ordinato sacerdote e inviato a Roma per lo studio del diritto canonico alla Gregoriana e alla Lateranense. Rientrato in Toscana, i superiori lo destinano alla formazione dei giovani: prima a Pisa, poi a Viterbo allo studentato interprovinciale dei Cappuccini, quindi a Siena, Arezzo, Cortona dove per dieci anni è maestro dei novizi. Viene quindi destinato all’eremo di Montepulciano e poi a quello di Montecasale, dove resta dodici anni, prima di ritornare nella “sua” Grosseto come vice parroco a Santa Lucia, dove si è fin da subito inserito con gioia ed entusiasmo dedicandosi soprattutto alla visita ai malati

Contatti

redazione@grossetooggi.net
mob. 338.1604651
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK