Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Un pezzo inedito per l'Apocrifa Orchestra

Il gruppo maremmano lavora al suo primo “lavoro proprio”

Condividi su:
FOLLONICA – L'Apocrifa Orchestra, conosciuta band tributo al cantautore Fabrizio De Andrè, annuncia di essere al lavoro su una propria canzone: “Un pezzo completamente nostro – come dice Riccardo Nucci – che parla di calore e vita e che proporremo al pubblico in una maniera completamente nuova e diversa”. I musicisti apocrifi assicurano che nella loro canzone “in proprio” ognuno di loro metterà molto della loro essenza musicale: “del resto – come ci assicura Gianni Rubolino – l'Apocrifa è un puzzle, i cui pezzi si incastrano perfettamente tra di loro”. Nata nel 2007 da un gruppo di amici, che da sempre si divertono a far musica, per dare il loro tributo e riarrangiare le canzoni di Fabrizio De Andrè l'Apocrifa Orchestra rappresenta “una necessità fisiologica – dice ancora Nucci – per ognuno di noi, che poi abbiamo, a livello artistico personale, progetti paralleli”. Nel futuro della band maremmana non sono escluse, dopo le canzoni del compianto Faber, anche nuove contaminazioni musicali con altre canzoni, data la natura poliedrica del gruppo stesso, che ci tiene ad assicurare la propria serenità. “L'Apocrifa è la nostra Shangri-La – assicura Alessandro Zibo De Maio – e nessuno la può scalfire in nessun modo”. Un gruppo vivo come non mai insomma, a dispetto della cupa realtà in cui spesso la società è calata, dove gli apocrifi hanno trovato una nuova espressione: “Ognuno ha il proprio spazio – racconta Paolo Cellini – per esprimersi senza render conto all'altro, in una libertà assoluta di interpretazione, come una famiglia, dove si trova sempre riposo”. Della stessa idea anche un altro componente, Francesco Ceri: “Nessuno nel gruppo si mette in cattedra, gli amici non lo fanno”. Un modo d'essere, quello dei musicisti apocrifi, in piena leggerezza con la vita, come racconta Paolo Batistini: “Per noi le prove è come trovarsi al bar, un momento inimitabile della settimana per lasciarsi alle spalle tutto”. Dopo il successo dell'ultima serata tenuta a Follonica lo scorso venerdì l'Apocrifa Orchestra è pronta a novità e al futuro, sempre all'insegna dell creatività che da sempre li contraddistingue.
Condividi su:

Seguici su Facebook