Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Seconda edizione del Premio Monicelli, in arrivo Veronesi, Scamarcio e Rubini

Al Teatro Moderno non solo cinema ma anche finger food, degustazione di vini e musica popolare

Condividi su:
GROSSETO - Non solo cinema durante la serata del premio Mario Monicelli, ideato dalla Fondazione Grosseto Cultura, in programma il 2 maggio al teatro Moderno. L’evento è sostenuto da Camera di commercio con la collaborazione di Comune e Provincia di Grosseto.
Prima dello spettacolo vero e proprio, nel foyer del teatro, a partire dalle 20, gli ospiti saranno accolti dallo chef Matteo Santoni – all’opera già nel fine settimana passato a Castiglione della Pescaia con un riuscitissimo momento di alta cucina -  che preparerà una degustazione in perfetto stile finger food con prodotti tipici della nostra terra a significare ancora una volta il legame stretto tra buon cibo e buon cinema. Insieme allo chef Matteo ci saranno i ragazzi dell’ISIS Leopoldo II di Lorena che realizzeranno il progetto Maremma in città. Abbinati alle originali e gustose creazioni culinarie, ci saranno i anche i vini
Passione Maremma Wine Food Shire che seguono il tema Bianco Rosso e Monicelli.
Alle 20.50 ad aprire la serata scorreranno le immagini dell’archivio dei fratelli Gori in collaborazione con l’ISGREC: fotografie che riescono a
raccontare il  cambiamento della città grazie agli scatti che immortalano monumenti, strade, luoghi, personaggi grossetani. Ad accompagnare il
montaggio una inedita versione di “Maremma amara” che è stata arrangiata dalla Maremma Orchestra, la formazione che va ad arricchire il panorama
musicale esistente con una filosofia nuova e che vede la collaborazione autorevole di Filippo Gatti. Sarà un momento suggestivo per rendere
omaggio alla grande tradizione popolare della nostra terra.
A seguire, intorno alle 21.15, si aprirà il sipario con  Mario Sesti, curatore artistico, e Jacopo Mosca che incontreranno il regista Giovanni Veronesi cui andrà il premio di questa seconda edizione, con gli attori Sergio Rubini, Riccardo Scamarcio e Valeria Solarino, interpreti della commedia italiana.
Come dicono dalla Fondazione Grosseto Cultura, il 2 maggio sarà “una serata di festa per la città, con la città, con l’eccellenza
agroalimentare del territorio e con Mario Monicelli, che si racconta sul grande schermo intervistato proprio – a spasso nel deserto africano – da
Veronesi”.
Il premio di questa seconda edizione è una bottiglia d’arte di vino Saffredi con etichetta realizzata da Chiara Rapaccini, ultima compagna di
Monicelli, che sarà consegnata da Elisabetta Geppetti della Fattoria Le Pupille.
Durante la serata del premio Monicelli sarà presente un desk di Poste Italiane dove sarà possibile timbrare con lo speciale annullo filatelico
legato al premio, la cartolina realizzata per l’occasione.
E’ possibile acquistare i biglietti per la serata del 2 maggio al teatro Moderno per il Premio Mario Monicelli negli uffici della Fondazione
Grosseto Cultura in via Bulgaria 21 a Grosseto al prezzo di 5 euro e in prevendita presso il negozio Rolling Store via Goldoni 21 a Grosseto.
La manifestazione è realizzata grazie anche al sostegno di: Fattoria Le Pupille, Fattoria Mantellassi, Corsini, ISIS Leopoldo II di
Lorena Grosseto, L’Andana tenuta La Badiola, Grand Hotel Bastiani, Sistema servizi pubblici Città di Grosseto, Modulo design e interni, ENEL,
Consorzio tutela Montecucco doc, Consorzio tutela Morellino di Scansano docg, Strada del vino e dei sapori Monteregio di Massa Marittima, Strada
del vino e dei sapori Colli di Maremma.
Condividi su:

Seguici su Facebook