Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Promozione Maremma, Enrico Rossi: "Evitare frammentazioni e localismi"

"Fondamentale migliorare l'accoglienza"

Condividi su:

FIRENZE - "Se la Camera di Commercio di Grosseto vuole promuovere all'estero la Maremma è libera di farlo, ma in un mondo globalizzato promuovere a Shanghai o in Russia o in America Latina o anche negli Usa un territorio così circoscritto e con risorse limitate rischia di non essere visibile e quindi di investire risorse con scarsi risultati: utile tutt'al più a giustificare qualche viaggio all'estero".

E' con questa valutazione che il presidente della Regione Enrico Rossi prosegue il confronto di questi giorni in relazione alle promozione e alla valorizzazione della Maremma, puntando sulla necessità di politiche unitarie e coordinate.

"Il mio consiglio, spiega il presidente, è che la Toscana - come previsto anche dalle normative - si concentri di più a migliorare l'accoglienza (centri d'informazione efficienti, guide e segnaletica in più lingue, formazione, ecc.), con l'obiettivo di "guidare" il turista a scoprire le bellezze del territorio.

In questo senso è un utile riferimento la Francia, un paese che, tra l'altro, è primo al mondo per presenze turistiche.

Invece noi, spiega ancora il presidente, si frammenta la promozione unitaria di una regione come la Toscana anziché sfruttare al meglio il suo brand, già affermato e riconoscibile in tutto il mondo. Non è il momento di frammentare, nè di rinchiuderci in un asfittico localismo.

Altra cosa è chiedere che all'interno del brand Toscana venga dato spazio e importanza alla Maremma o ad un'altra località.

Sulla promozione del nostro Paese, deve intervenire anche lo Stato. È un errore lasciare alle sole Regioni un compito tanto importante com'è quello della promozione turistica all'estero del nostro Paese.

A livello locale, tuttavia, ci si dedichi di più e meglio all'accoglienza, si elaborino proposte e attività di promozione ma sempre all'interno di iniziative almeno regionali."

Il presidente conclude mettendo a disposizione dei territori (associazioni di categoria, camere di commercio, enti locali), l'agenzia regionale di promozione della Toscana all'estero, per fare, tutti assieme, una cosa forte, visibile, efficace, degna di un brand come quello della Toscana.

Condividi su:

Seguici su Facebook