Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

“A scuola di Costituzione” diploma gli studenti delle superiori

Si è concluso il progetto promosso da Anpi e Consulta provinciale in collaborazione con il Comune

Condividi su:

GROSSETO - “A scuola di Costituzione” ha diplomato i ragazzi delle scuole superiori che hanno partecipato al progetto promosso dall'Associazione nazionale partigiani d'Italia insieme alla Consulta provinciale della scuola e al Comune di Grosseto.

Dopo il successo della prima edizione, l'iniziativa è stata ripetuta anche per l'anno scolastico in corso e ha coinvolto circa 200 studenti delle classi quarte e quinte degli istituti Manetti, Leopoldo II di Lorena, Fossombroni, del Polo Bianciardi (indirizzo grafico) e del liceo Rosmini.
E questa mattina, nella sala del Consiglio comunale, gli studenti hanno ricevuto una copia della Costituzione, consegnata dal sindaco di Grosseto Emilio Bonifazi, dal presidente provinciale dell'Anpi, Nello Bracalari, e dal presidente della sezione Anpi di Grosseto, Giuseppe Corlito.
Alla cerimonia erano presenti le insegnati Cristina Citerni eMaria Del Papa.
Con questo appuntamento si è concluso il percorso intrapreso dai giovani,  insieme alle loro insegnanti con lezioni ad hoc e con seminari sulla conoscenza della Costituzione; un approfondimento che ha avuto due relatori d'eccezione ovvero Domenico Gallo che ha illustrato la parte storica e Giovanni Sapia, che invece si è soffermato sulla suddivisione degli articoli e sul contenuto degli stessi.
Il progetto è stato promosso e organizzato anche con la collaborazione della Regione Toscana.
“La scuola continua ad accogliere progetti e iniziative che arricchiscono il bagaglio culturale degli studenti – ha detto il sindaco Emilio Bonifazi – e che allo stesso tempo, come in questo caso, contribuiscono a far crescere il senso civico  e la conoscenza della nostra storia più recente, attraverso la carta normativa per eccellenza. Il cammino intrapreso dagli studenti delle superiori con l'Anpi rappresenta il simbolico ingresso nel mondo degli adulti, attribuendo loro lo status di cittadini ed elettori attivi a pieno titolo”.

Nell'ambito della cerimonia il sindaco Emilio Bonifazi e l'assessore alla Pubblica istruzione Giovanna Stellini hanno consegnato un riconoscimento anche alle studentesse del liceo Rosmini che si sono distinte nell'ambito del premio Luciano Bolis.
Il premio, indetto dall'Associazione italiana per il consiglio dei Comuni e delle Regioni d'Europa (Aiccre) sul tema “Cittadini europei, cittadini del mondo”, prevedeva l'elaborazione di temi, brevi saggi, ricerche, elaborati grafici o multimediali, ed è stato assegnato a Martina Guadalti, studentessa della V^ C del liceo “Rosmini” di Grosseto, prima classificata su oltre cento partecipanti di tutte le scuole toscane.
In tutto sono stati premiati i primi cinquanta studenti, che potranno così partecipare ad un seminario di formazione sui temi europei che si terrà nel Parco delle Apuane a luglio. Oltre a Martina, si sono classificate tra i primi 50 anche le altre studentesse della V^ C del Rosmini che hanno partecipato al concorso: Ileana Cicerone, 8^ classificata, Camilla Garosi, 43^ classificata ed Elisabetta Camorrino, 44^ classificata.

Condividi su:

Seguici su Facebook