A breve attivo il sistema di Monitoraggio continuo del Canale Solmine

Un punto importante nell’intero sistema di controllo e tutela della salute pubblica

| Categoria: Attualità
STAMPA

SCARLINO-Nell’ambito del controllo e monitoraggio continuo della tossicità e dei principali parametri chimico-fisici nelle acque del canale Solmine, a  maggio la azienda “Nuova Solmine”  ha comunicato al gruppo tecnico, coordinato dal Comune di Scarlino e formato dalle tre aziende del Casone ( Nuova Solmine, Scarlino Energia e Tioxide), dall’Acquedotto del Fiora, dalla Provincia, dal  Comune di Follonica, da ARPAT, Azienda USL e  Istituto Zooprofilattico, il programma  di attuazione degli interventi messi in atto dalle imprese scarlinesi sul Canale Solmine, interventi che si concluderanno  con  l’installazione di un sistema di monitoraggio per l’intero canale entro la fine del mese.
“Questo sistema di controllo ha avuto un suo percorso – dice il Sindaco Stella – derivante  dall’impegno di tutti i soggetti coinvolti, nella comune volontà di risolvere problemi legati a criticità per  saltuarie tossicità delle acque di scarico che purtroppo hanno anche generato qualche moria di pesci.  Adesso si realizza  un punto importante nell’intero sistema di controllo e tutela della salute pubblica, che non può che vederci soddisfatti, visto anche il parere favorevole rilasciato dal dipartimento ARPAT”.
Il canale Solmine, emissario dell’area industriale di Scarlino,  è un’infrastruttura adibita al recapito in mare delle acque reflue industriali e civili del complesso industriale del Casone, relativamente alle tre industrie   Nuova Solmine, Scarlino Energia e Tioxide, nonché delle  acque reflue urbane del depuratore di Follonica, con una portata di circa 20 milioni di metri cubi anno.
Anche in conseguenza delle criticità via via verificatesi, secondo  un  Protocollo di intesa per la tutela del canale di ritorno a mare,  è stato  costituito qualche anno fa un gruppo tecnico  coordinato dal Comune di Scarlino e formato dalle aziende,  dalla Provincia, dal  Comune di Follonica, da ARPAT, Azienda USL e  Istituto Zooprofilattico. Sempre in base a questo protocollo, ARPAT sta eseguendo  in modo continuativo  il monitoraggio sulla qualità delle acque, e produce regolarmente  al gruppo tecnico   una relazione annuale sui  risultati del monitoraggio delle acque, dei sedimenti del canale e degli scarichi. Inoltre le aziende, su richiesta di ARPAT, si sono inoltre  impegnate ad implementare   questo  sistema di monitoraggio, che a breve sarà attivo, proprio per controllare la  tossicità e i principali parametri chimico-fisici nelle acque del canale Solmine, abbinato ad un sistema di campionamento automatico.

Contatti

redazione@grossetooggi.net
mob. 338.1604651
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK