Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Furto all'Euronics di Grosseto: arrestati nelle prime ore del mattino cinque stranieri

Decisivo l'intervento dei Carabinieri. Danno da oltre cinquantamila euro per il negozio

Condividi su:

GROSSETO - Nelle prime ore del mattino, i carabinieri del NORM della Compagnia di Orbetello hanno tratto in arresto 5 persone, di nazionalità romena, senza fissa dimora, nella flagranza del reato di furto aggravato:

-       B.M. classe 1991, incensurato;

-       G.E. classe 1994, pregiudicato;

-       M.G. classe 1983,  incensurato;

-       V.I. classe 1994, incensurato;

-       N.C. classe 1979, incensurato.

I predetti, poco prima, con volto coperto, dopo avere abbattuto con asce, martelli e piedi di porco, la porta relativa ad un’uscita di sicurezza dell’Euronics, sulla ss. Aurelia km 144, si erano introdotti all’interno dell’esercizio commerciale dal quale avevano asportato numerosi p.c., tablet e altro materiale elettronico, in esposizione sugli scaffali, per un danno complessivo stimato in 50mila euro circa. Immediatamente intervenivano numerose pattuglie della locale Compagnia che sorprendevano i 5 giovani all’interno di un’autovettura fiat grande punto, parcheggiata nei pressi della stazione fs di Orbetello. All’esito della perquisizione personale e veicolare, veniva rinvenuta nel portabagagli della macchina parte della refurtiva nonché gli abiti indossati dai malviventi, che nel frattempo si erano cambiati, durante il furto.                                     
La refurtiva recuperata veniva restituita ai proprietari.
Sono in corso le ricerche del restante materiale asportato, verosimilmente occultato nelle campagne circostanti.                  
In queste ore i militari operanti stanno vagliando tutti gli elementi e gli indizi, raccolti anche nel corso del sopralluogo effettuato, per ulteriori indagini finalizzate all’individuazione di eventuali complici e per accertare la riconducibilità al gruppo criminale di analoghi furti commessi nella provincia nei mesi passati.
Il PM di turno presso la Procura di Grosseto (Dott.re Marco Nassi) ha disposto la traduzione degli arrestati presso la casa circondariale di Grosseto.

Condividi su:

Seguici su Facebook