Ricetta rossa addio: in farmacia si va con il “promemoria”

Avviata anche nella Asl 9 la fase sperimentale per la “dematerializzazione” della ricetta

| Categoria: Attualità
STAMPA

GROSSETO - La "ricetta rossa", va in pensione. Al suo posto, per ora solo per i farmaci, arriva un promemoria che i pazienti dovranno presentare al farmacista per avere le medicine prescritte. L’estate scorsa, la regione Toscana ha sperimentato la cosiddetta “dematerializzazione” nella Asl di Empoli, per estenderla gradualmente alle altre Aziende toscane. Ora è la volta di Grosseto, che ha scelto di far partire il progetto da Porto santo Stefano, dall’ambulatorio di cinque medici di famiglia della locale Aggregazione funzionale territoriale, coordinata dal dottor Renato Tulino: la dottoressa Maria Romilda Casuscelli, la dottoressa Paola Scarpelli, il dottor Andrea Fornasetti e la dottoressa Luigina Verdili, che, insieme al dottor Tulino, sono organizzati in un ambulatorio di medicina di gruppo.

Dall’argentario, il progetto di dematerializzazione della ricetta sarà progressivamente esteso a tutta la Asl 9.

La novità per i cittadini è sostanziale: il paziente, al posto della tradizionale ricetta rossa, si vedrà consegnare del medico un foglietto bianco; a sua volta lo darà al farmacista che, collegandosi al sito del Ministero, potrà visualizzare la prescrizione sul computer e consegnare quanto riportato sulla ricetta, ormai “dematerializzata”. Le farmacie, peraltro, si sono attivate fin da subito, dando la propria piena collaborazione per la massima riuscita di questo nuovo sistema.
Occorre precisare, comunque, che la ricetta rossa non sparirà del tutto, ma continuerà ad essere utilizzata per le prescrizioni di visite specialistiche e esami diagnostici; oppure nel caso in cui il medico non abbia a disposizione il collegamento telematico, come, ad esempio, nelle visite a domicilio.

L’importanza dell’autocertificazione
Con il nuovo sistema, dalla fine di ottobre, i cittadini non potranno più autocertificare la propria fascia economica di appartenenza sulla singola ricetta, al momento della prestazione specialistica o in farmacia. La posizione economica dell’utente, infatti, viene riportata automaticamente sulla prescrizione.
A questo proposito, nel caso in cui, ad una verifica, la propria posizione reddituale non sia riportata o non sia esatta, entro il 31 ottobre (o successivamente, purché venga fatto prima dell’emissione di nuove ricette) è possibile presentare l’autocertificazione, utilizzando il modulo prestampato reperibile sul sito internet www.usl9.grosseto.it.
Il modulo può essere presentato direttamente agli sportelli aziendali; inviato per raccomandata (all’indirizzo “Azienda Usl 9 - Autocertificazione fascia di reddito - Via Cimabue 109 – 58100 Grosseto”); inviato per posta elettronica certificata, all’indirizzo usl9.grosseto@postacert.toscana.it;
In alternativa, l’autocertificazione può essere fatta ai totem “Punto sì”, che si trovano in ciascuno dei cinque ospedali del territorio, al Distretto di Follonica e di Grosseto; oppure online, accedendo al sito www.regione.toscana.it/servizi-online. Queste due ultime procedure, tuttavia, sono possibili esclusivamente se il cittadino ha attivato la propria tessera sanitaria elettronica.

Contatti

redazione@grossetooggi.net
mob. 338.1604651
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK