Trovati con una doppietta e una carabina nel furgone, arrestati

Tre giovani sono stati sorpresi metre trasportavano le armi a bordo di un furgone

| di Roberta Bogi Pagnini
| Categoria: Cronaca
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview
GROSSETO – Nascondevano nel furgone una doppietta calibro 12 con le canne tagliate e una carabina 4 e mezzo ad aria compressa.
Tre giovani sono finiti in manette ieri mattina per porto ingiustificato e detenzione di armi comuni da sparo modificate e ricettazione.
Il tutto si è svolto intorno alle 10 di ieri, mercoledì 7 maggio.
I tre malviventi sono partiti a bordo di un furgone, un Daily cassonato da via De Barberi.
Subito hanno imboccato la rotatoria di via Mascagni e poi hanno girato in via Montebello.
La loro corsa, però, è finita lì.
A seguirli c'era infatti una pattuglia della polizia che appena imboccata la strada ha fermato i tre grossetani e chiesto di vedere cosa c'era dentro il furgone.
E proprio qui, nascosti da fili di ferro, sono stati trovati due grossi tubi delle canne fumarie con nascosti all'interno la doppietta e la carabina.
Dalle verifiche dei poliziotti, è risultato che entrambe le armi, erano provento di un furto avvenuto in città nel settembre 2013.
Il taglio della canne del fucile era stato fatto da poco, e secondo le prime ipotesi, le armi avrebbero potuto essere usate per fare delle rapine in quanto facilmente nascondibili proprio per le canne tagliate.
La polizia ha perquisito le abitazioni dei tre giovani ma non ha trovato altro.
Per H.B nato a Pistoia nel 1986 ma residente a Grosseto è scattato l'arresto ed è rimasto in carcere con ordinanza di custodia cautelare.
Il 28enne era già conosciuto alle forze dell'ordine perchè ex sorvegliato speciale e a Grosseto aveva già colpito in quanto aveva commesso la rapina alla tabaccheria di via Einaudi a Gorarella.
Con lui, a bordo del furgone che i tre utilizzavano per trasportare materiale ferroso, c'era S.C. anche lui originario di Pistoia del 1992 ma residente a Grosseto e C.A. napoletano ma residente in una frazione del capoluogo.
Entrambi, senza precedenti, sono stati messi agli arresti domiciliari.

Roberta Bogi Pagnini

Contatti

redazione@grossetooggi.net
mob. 338.1604651
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK