Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Cinelli e Bonini e confronto sul Parco

Cinelli:" Conosco bene la realtà del Parco ed ho le idee ben chiare sul suo futuro"

Condividi su:
MAGLIANO IN TOSCANA - "Concordo pienamente con quanto afferma Eva Bonini - dice Diego Cinelli candidato a sindaco per il comune di Magliano in Toscana -  sulla correttezza e sul buon senso al quale tutti ci dovremmo attenere in campagna elettorale (ma anche al di fuori aggiungo io). Non vedo però dove possa essere venuto meno a questi principi dal momento che la mia è stata una semplice descrizione della realtà dei fatti che la mia avversaria interpreta in modo diverso da me ma che ovviamente non può smentire. La scorrettezza semmai è sua quando allude, in maniera neanche troppo velata, alla mia presunta disinformazione e alla povertà di idee sul futuro del Parco. Conosco bene invece la realtà del Parco ed ho le idee ben chiare sul suo futuro e mi domando piuttosto come mai nonostante la  “politica di grande attenzione” di cui parla la Bonini e la nomina del Barbieri per “le proprie competenze”  ci siano ancora tante cose da fare per migliorare la fruizione del Parco e soprattutto perché dei tre Comuni tra i quali questo è diviso quello di Magliano è quello con un minor ritorno. Se vogliamo parlare di programma uno dei primi atti che farò nel ruolo di Sindaco sarà quello di nominare all'interno del Consiglio direttivo non un “familiare competente” ma un residente del Collecchio, perché  solo chi vive la realtà del Parco può conoscerne a fondo le problematiche e portarle a conoscenza del direttivo, un altro provvedimento, per realizzare il quale sto già prendendo contatti, sarà quello di consentire l'accesso diretto al mare, a Cala di Forno, ai turisti che scelgono Magliano per trascorrere le loro vacanze per offrire loro un'alternativa in più."
"Due parole sulla nomina del Barbieri: - prosegue Cinelli - nessuno la mette in dubbio sotto il profilo della regolarità per così dire giuridica, grosse perplessità invece non possiamo fare a meno di esprimere sotto il profilo della opportunità politica e sotto questo punto di vista il mandato  doveva essere rimesso nelle mani del Sindaco già da un pezzo o meglio ancora non doveva proprio essere accettato. Sorvolo sulla frase «Io ed Eva Bonini non siamo sposati; non capisco che tipo di incompatibilità ci sia» perché si commenta da sola. Infine non sono contrario al biogas ma sono contrario a costruire un impianto all'interno del Parco e ricordo alla Bonini che come me la pensa anche una larga fetta del PD (forse perché ispirati dal buon senso di cui parla la mia avversaria). Le energie rinnovabili non si sbandierano per giustificare la costruzione di un impianto a biogas all'interno di una riserva naturale dell'importanza del nostro Parco ma hanno bisogno di una progettualità in grado di armonizzarle per tipologia e dimensioni alle caratteristiche naturali del nostro territorio che sono la nostra unica e vera ricchezza.
Non ho intenzione di strappare qualche consenso in più, non mi interessa conquistare i voti dei cittadini mi interessa invece informarli e riuscire a coinvolgerli in un progetto che dia veramente una svolta al nostro Comune."
Condividi su:

Seguici su Facebook