Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Cresciamo insieme, Ieri presentato il progetto che vede impegnati i settori giovanili di 3 società sportive

Redazione
Condividi su:

Grosseto: Si  é svolto l'incontro per la presentazione del progetto "Cresciamo insieme" organizzato dal settore giovanile dell'US Grosseto.
Alberto Celata é riuscito a coordinare e a presenatere l'evento in modo magistrale, erano presenti il presidente del Sett. Giovanile Fabrizio Sonnini il direttore Tecnico del Settore Giovanile Adriano Meacci, l'assessore allo sport e vice sindaco Paolo Borghi, l'assessore alle politiche giovanile della provincia Tiziana Tenuzzo, il responsabile tecnico della FIGC Leonardo Fanciulli e i presidenti della Fortis Grosseto Laura Busonero e dell' ASD Giovani Calciatori Grosseto.
Il presidente Sonnini ha ringraziato le istituzioni presenti per la  vicinanaza  ed ha  sinteticamente esposto i programmi e gli  obiettivi.
Ha concluso dicendo che è necessario educare i  giovani calciatori all''identità US GROSSETO e che sono già state individuate una serie d'iniziative come ad esempio l'ingresso gratuito alle partite.
Insegnare il calcio, ma prima di tutto educare i giovani,  al rispetto delle regole, alla collaborazione, alla condivisione, alla passione, alla conoscenza del proprio corpo, all' emozioni di gioia e di felicità, questi sono gli obiettivi delle due società affiliate all'US Grosseto, ASD Giovani Calciatori Grosseto e Fortis Grosseto.
Impegno a sviluppare metodologie e didattiche finalizzate allamigliore  formazione tecnica ed educativa dei giovani calciatori.
Il progetto già nasce con  accrediti importanti, il riconoscimento di una convenzione  con lo  IUSM scienze motorie di Firenze  e l'adesione  alla "Carta etica dello sport" della Regione Toscana.
Tutti hanno  condiviso l'impegno di agevolare la partecipazione dei bambini  ai corsi, contenendo le quote e agevolando quelle famiglie con particolari situazioni di difficoltà economiche, é stato detto tutti i bambini hanno diritto di giocare al calcio e divertirsi,

Condividi su:

Seguici su Facebook