Qualità e tradizione: i prodotti maremmani si impongono in Europa

Un salumificio che ha allargato i propri orizzonti attraverso scelte imprenditoriali lungimiranti

| Categoria: Enogastronomia
STAMPA

ROCCASTRADA - Un rapporto di fiducia tra padre e figlio, unito alla stima reciproca, rappresenta uno dei capi saldi di una famiglia dai valori sani: il territorio della Maremma conosce molto bene questa tipologia di nucleo familiare, e nel corso della storia ha portato sotto la luce dei riflettori storie e personaggi in grado di dare ampio risalto a questa meravigliosa zona della Toscana. Proprio in questo contesto, e puntando forte sul connubio tra famiglia e impresa, la famiglia Subissati merita una citazione importante: reagire in maniera dirompente alla crisi, trasformando una situazione di difficoltà in un enorme punto di svolta, incarna a meraviglia lo spirito e la forza dei maremmani. Dalla storia alla modernità, di padre in figlio: la tradizione e l'evoluzione, un mix fondamentale per sopravvivere in tempi duri.

Giancarlo Subissati, abitante di Roccastrada (provincia di Grosseto), apre la sua attività di produzione e vendita diretta di salumi: la grande qualità dei prodotti, e la straordinaria competenza imprenditoriale, collocano Giancarlo in una posizione di rilievo nel mercato della carne.  Giancarlo, oltre alla creazione dell'impresa, svolge un ruolo di protagonista nella fondazione dell'ormai famosa Fiera del Madonnino. Subissati lavora carni selezionate nel rispetto delle norme di allevamento e la propria azienda, situata a 480 metri sul livello del mare, si mette in evidenza sin da subito per l'ambiente ideale e per una stagionatura naturale condita da una perfetta maturazione. Come in ogni attività imprenditoriale però, l'esame più duro rappresenta sempre quello legato all'evoluzione aziendale: è in questa situazione che il figlio Riccardo, entrato in scena nel 2001 con un ruolo di primissimo livello, allarga gli orizzonti dell'impresa espandendo la rete commerciale. Internet, Europa, export diventano parole chiave in casa Subissati.

Riccardo, consapevole della qualità dei propri prodotti, inzia a guardare lontano: l'estero è un business che stuzzica il giovane Subissati, e la sua voglia di portare i prodotti maremmani al di fuori dei confini nazionali si concretizza attraverso le sue prime ricerche di mercato. Riccardo, nonostante qualche malumore trapelato all'interno della sua famiglia, decide di effettuare il grande passo: dopo qualche difficoltà iniziale, che non scoraggiano minimamente l'imprenditore toscano, i prodotti Subissati diventano un punto di riferimento per gran parte dell'Europa. La Svezia diventa "una seconda casa" per l'azienda roccastradina, e numerose fiere europee si esaltano attraverso la degustazione dei prodotti nati in provincia di Grosseto. Proprio nel paese scandinavo, viene realizzato il primo prosciutto creato con carni svedesi. Oltre alla Svezia, anche Belgio, Lussemburgo e Finlandia diventano consumatori abituali di un marchio che sta dando grande visibilità alla Maremma.

L'ultimo progetto di Riccardo, oltre ad aver preso contatti con Cina e Russia, è quello di realizzare nella zona di Cupi un allevamento di maiali di razza macchiaiola: un altro messaggio importante per la zona, un segno evidente di quanto sia possibile fare impresa in Maremma. La tradizione di padre e figlio, e la capacità di saper cogliere nuove opportunità si sono rivelati ingredienti fondamentali per il successo. 

 

 

(Questo articolo contiene informazioni pubblicitarie)

Contatti

redazione@grossetooggi.net
mob. 338.1604651
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK