Qualità dell'ambiente e sicurezza della vita: Edilmark punta forte su MaremmaXlam

Un nuovo modo di costruire pensando al futuro ambientale e umano

| Categoria: Personaggi
STAMPA

GROSSETO -  Un grande filosofo come Cartesio sosteneva che "chi cerca la verità deve una volta nella vita dubitare di tutto, per quanto è possibile". Egli si riferiva al fatto che il sapere tradizionale, e con esso tutte le sue certezze, si andava sbriciolando di giorno in giorno: l'immenso pensatore sapeva leggere lo spirito dei tempi, proprio come sta facendo la storica azienda Edilmark: l'azienda nata nel 2000, da anni realtà consolidata nel mercato immobiliare, ha deciso di creare un nuovo punto di riferimento nel campo della bioedilizia. L'impresa grossetana, in un periodo sicuramente complicato, ha avuto il merito di allargare i propri orizzonti ed espandere i confini della propria attività. Proprio in questo contesto, e sviluppando concetti rivoluzionari ma allo stesso tempo solidi e concreti, è nata MaremmaXlam: un nuovo modo di costruire con un occhio al futuro, mettendo in prima linea il rispetto per l'ambiente. La nostra società, da un punto di vista storico, è molto legata all’industria del cemento che si è sempre rivelato un simbolo di ricchezza materiale: con il boom del mattone verificatosi intorno agli anni 50, il pensiero comune si è focalizzato sulla costruzione di edifici che rappresentassero la grandezza dell’uomo. Una vera e propria illusione, ed il mondo che cambia e che si evolve sta mettendo in risalto questa situazione. Le convenzioni, e le abitudini tradizionali, stanno cedendo rapidamente il passo alle innovazioni.

L’edilizia rappresenta il più alto impatto ambientale per il pianeta, e la soluzione delle case in legno può portare la Maremma ad innalzarsi come guida di questo processo innovativo: il legno toscano si è rivelato perfetto per l'utilizzo industriale, e gli esempi nel resto d'Europa fanno capire quanto questa soluzione possa giovare all'ambiente. In Svezia infatti, attraverso la creazione di boschi artificiali, le "zone verdi" del paese sono aumentate del 40%. Il tutto, proiettato in un contesto come quello della Maremma, può innescare un meccanismo in grado di creare indotto e migliorare la qualità della vita sia dal punto di vista ambientale che turistico: i dirigenti aziendali del connubio Edilmark - MaremmaXlam, che hanno a cuore il proprio territorio e la sua valorizzazione, strizzano l'occhio ad un processo di rinnovamento in grado di regalare una nuova linfa vitale a questa zona. Per snocciolare un dato significativo, risulta veramente imponente la quantità di smog risparmiata attraverso l'utilizzo di un palazzo di tre piani, costruito in legno, rispetto ad una struttura equivalente realizzata con materiali tradizionali: la prima soluzione infatti, abbatte l'equivalente produzione di CO2 di 60 autovetture.

«Se si vuole contribuire al benessere del mondo bisogna cominciare a mettere a posto la propria casa» sosteneva Gandhi, ed Edilmark sostiene a gran voce questo pensiero attraverso MaremmaXlam: risvegliare la Maremma, con un progetto fondamentale per l'ambiente, è adesso possibile.

 

 

(Questo articolo può contenere informazioni pubblicitarie)

Contatti

redazione@grossetooggi.net
mob. 338.1604651
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK