Il Mondiale al Dolce Vita: Azzurri, dentro o fuori

Tutto pronto per il match decisivo dell'Italia

| di Davide Lesti
| Categoria: Storia
STAMPA

GROSSETO - Il Costa Rica ha fatto male, l'esordio convincente contro l'Inghilterra è stato spazzato via da una bordata di critiche: l'Italia, come da tradizione, continua a faticare nel girone ma le speranze non sono ancora svanite. La formazione di Prandelli, contro l'Uruguay, può accontentarsi anche di un pareggio per superare il turno: l'Uruguay, anch'esso ferito dal k.o. con la Costa Rica, ha reagito alla grande piegando l'Inghilterra grazie ad uno strepitoso Luis Suarez. Proprio El Pistolero, insieme al Matador Cavani, rappresentano la più grande minaccia per la retroguardia italiana.

Prandelli, per non ripetere il disastro di quattro giorni fa, è pronto a cambiare modulo: spazio al 3-5-2, con il tandem offensivo composto dal tanto atteso Ciro Immobile e dal sempre imprevedibile Mario Balotelli. L'Italia, in caso di pareggio, centrerebbe la qualificazione ma si qualificherebbe come seconda forza del girone: nel turno successivo, con molta probabilità, dovrebbe affrontare una Colombia che sta letteralmente impressionando. 

Pirlo e compagni, sospinti da una Nazione intera, sono chiamati al match della vita: azzurri contro "celeste", Italia contro Uruguay; i primi a vincere un Mondiale, gli ultimi a voler uscire. Ore 18, in Brasile, la sfida decisiva.

 

(Questo articolo può contenere informazioni pubblicitarie)

Davide Lesti

Contatti

redazione@grossetooggi.net
mob. 338.1604651
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK