Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Manciano: riapre il cinema dopo l'alluvione

Venerdi 16 gennaio primo appuntamento del 2015 con la nuova programmazione cinematografica

Condividi su:

MANCIANO - Il cinema di Manciano riapre al pubblico. Dopo che l'alluvione dello scorso ottobre aveva danneggiato il proiettore, venerdi prossimo, 16 gennaio, inizia ufficialmente la stagione al Nuovo cinema moderno di via Marsala, con una intensa programmazione cinematografica, un bar interno e spazi per attività ricreative e culturali. La gestione è stata esternalizzata. Sarà una cooperativa, infatti, ad occuparsi anche del servizio biglietteria e distribuzione locandine. "Esprimo soddisfazione per la riapertura del cinema – spiega il sindaco di Manciano, Marco Galli – e grazie all'impegno dell'amministrazione possiamo continuare a rispondere alle esigenze della comunità e soprattutto dei giovani. Un servizio che, anche se non è più affidato al Comune, permette di ridare alla città uno spazio multifunzionale su cui contare". La cooperativa che ha vinto la gara doterà il cinema di un nuovo impianto audio Dolby surround, offrendo spettacoli di qualità. "La sala polivalente – dichiara l'assessore alla Cultura, Giulio Detti - svolge un ruolo fondamentale a livello sociale e culturale, cosi come a livello commerciale. Via Marsala si sta purtroppo impoverendo di negozi e il cinema risulta una fondamentale attività per mantenere vivo il centro storico e quella via in particolare. Nonostante le ristrettezze economiche – continua Detti – l'amministrazione ha fatto uno sforzo notevole per mantenere aperta la sala e per garantire la possibilità di utilizzo della stanza per fini socio-culturali. Valida questa forma di gestione mista per cui il cinema diventa un'entrata e non un costo". Con questa nuova gestione non aumenterà il costo del biglietto, anzi sono previsti sconti particolari per i turisti, residenti e ragazzi e saranno messe in programmazione rassegne d'essai e film in lingua inglese. "L'assessorato alla Cultura – conclude Detti – ha lavorato molto per offrire un futuro alla sala, ottimizzando i costi di gestione e mantenendo attivi i servizi".

Condividi su:

Seguici su Facebook