Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Incontri d'inverno. La cucina di Moreno Cardone e i vini di Rocca di Frassinello – Domini di Castellare di Castellina

Appuntamento per domani, giovedì 29 gennaio 2015 dalle ore 20

Condividi su:

GROSSETO - Al ristorante L'Uva e il Malto, in via Mazzini a Grosseto, un menù appositamente pensato per sposarsi con le etichette di Rocca di Frassinello, Gurra di Mare e Feudi del Pisciotto. I piatti ideati dallo chef Moreno Cardone, ricchi di colori e sapori invernali, saranno abbinati a vini toscani e siciliani dal sommelier Samantha Raspollini.

I piatti ed i vini

Si inizia con un bocconcino di baccalà in crema di porro, che sarà abbinato a Tirsat, uno chardonnay e viogner al 50% prodotto da Gurra di Mare, azienda di Porto Palo, Menfi, le cui vigne arrivano ad affacciarsi fino alla costa. Si prosegue con il sufflè di formaggio con carpaccio di petto d'oca, abbinato ad un rosso di sangioveto, merlot e cabernet sauvignon prodotto da Rocca di Frassinello, azienda maremmana famosa per la sua cantina suggestiva disegnata dal grande architetto Renzo Piano. Si continua con l'acqua cotta alla maremmana. Il piatto forse più noto della tradizione sarà accompagnato dal vino Ornello (sangioveto, merlot, syrah e cabernet sauvignon) di Rocca di Frassinello. Come secondo piatto, lo chef propone bocconcini di capriolo su patata di montagna al sale, accompagnato da Le Sughere di Frassinello, un sangioveto, merlot e cabernet Sauvignon. Il menù si conclude con un Semifreddo di ricotta con frutta secca e colatura di miele alla menta, abbinato a Gianfranco Ferrè, un passito di Feudi del Pisciotto, azienda di Niscemi, Caltanissetta.

Per la cena, che ha un costo a persona di 30 euro, è consigliabile prenotare allo 0564 411211.

Moreno Cardone, Samantha Raspollini e L'Uva e il Malto

Moreno Cardone è nato a Grosseto nel 1967. Scopre la passione per la cucina quasi per caso: dopo il diploma come perito elettrotecnico, inizia a lavorare in un forno dove decide che la cucina sarebbe diventata la sua vita. Inizia frequentare un corso di specializzazione in Arte bianca. Il 2005 è l'anno della svolta professionale: insieme alla compagna, Samantha Raspollini, apre a Grosseto un nuovo locale: L'Uva e il Malto. Grazie all'esperienza de L'Uva e il Malto, Moreno è stato invitato come Master chef in molte scuole italiane ed estere. Nel 2010 ha partecipato all'evento "Gourmet Italia" di Monaco. In questi anni hanno parlato di lui e del suo ristorante alcune tra le più importanti riviste di enogastronomia e L'Uva e il Malto è segnalato nelle migliori guide: Michelin, Bibenda, Alice, Golosario, Cantine d'Italia, Ristoranti d'Italia. Dal 2011 partecipa alla trasmissione tv in onda su Italia7 "Aspettando il Tg - sapori di Toscana". L'Uva e il Malto è la sintesi dell'idea di cucina di Moreno Cardone: rispetto assoluto del cibo e della materia prima. Ricerca costante e studio maniacale del prodotto. Il menù segue l'andamento delle stagioni: ogni giorno Moreno sceglie personalmente il pescato locale e la verdura da offrire ai suoi ospiti. Samantha è l'altra anima del ristorante: si occupa della cantina che vanta una selezione di oltre 400 etichette dei miglior vini e una sessantina di champagne.

 

Rocca di Frassinello

Nel cuore della Maremma toscana, fra Bolgheri a nord e Scansano (quello del Morellino) a sud. Un grande progetto internazionale concepito con la partnership di Les Domaines Baron de Rothschild-Lafite: 500 ettari, di cui 80 già vitati, metà a Sangioveto e metà a Cabernet, Merlot, Petit Verdot, Shiraz, per produrre etichette, nell'incontro del meglio dell'Italia e della Francia. A sanzionare il livello internazionale dell'azienda Rocca di Frassinello, il progetto della cantina firmato dall'architetto Renzo Piano. Sulla collina più alta nell'anfiteatro di Rocca di Frassinello, di fronte al paese di Giuncarico in comune di Gavorrano, l'architetto Piano, che è stato produttore di Dolcetto e ama il vino quanto le linee pure dell'architettura, ha concepito una cantina di una semplicità sconvolgente, con una divisione degli spazi rivoluzionaria e un'attenzione spasmodica al processo di vinificazione che deve avvenire per caduta dell'uva dall'alto.

Domini di Castellare di Castellina

Castellare di Castellina, Rocca di Frassinello, Gurra di Mare e Feudi del Pisciotto: due aziende toscane e due siciliane per comporre il progetto dei Domini.

Condividi su:

Seguici su Facebook