Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Trekking e sentieri per il rilancio del Giglio. L'isola alla Bit con la sua rete di percorsi

Giovedì 12 febbraio presentazione dell’offerta turistica 2015, prima stagione senza il relitto della Concordia

Condividi su:

ISOLA DEL GIGLIO - Sarà la fitta rete di sentieri che attraversa l’Isola a fare da protagonista al rilancio turistico del Giglio, dopo la vicenda Concordia, in occasione della Bit - Borsa Internazionale del Turismo, in programma alla Fiera di Milano dal 12 al 14 febbraio prossimo (Stand Toscana PAD.9 E21 F29).
C’è la strada delle Pietraie e la via di Pentovaldo, il collegamento tra le Vaccarecce e Scopeto, la mulattiera del Dolce e della Costa, la sterrata dell’Allume, un’offerta turistica unica per gli amanti del trekking e delle escursioni, composta da una trentina di itinerari  per un totale di 51 chilometri tra antiche mulattiere, strade bianche, sentieri che attraversano la macchia mediterranea o conducono a scogliere granitiche, fari o antiche torri difensive o a cale altrimenti irraggiungibili. In ogni caso tracciati che fanno godere panorami mozzafiato con il mare sempre protagonista.
Giovedì 12 febbraio (ore 16.15) a presentare l’offerta dell’Isola per la stagione 2015 nel corso di un incontro titolato “Tutte le stagioni del Giglio” saranno  Sergio Ortelli, sindaco del Comune di Isola del Giglio, Marina Aldi, guida turistica ambientale, Roberto Scotto, della scuola diving che presenterà le tante attività subacquee, Caterina Pellegrini che presenterà gli eventi culturali e ricettivi programmati per il 2015, Giovanni Rossi, viticoltore  che presenterà la produzione tipica e vitivinicola del Giglio. A seguire, degustazione di vino Ansonaco nel Wine Bar della Strada del vino e dei sapori Colli di Maremma.
La presenza alla Bit a Milano è stata possibile grazie alla Regione Toscana e al recente Protocollo d’Intesa siglato con il Comune che ha, tra gli altri, l’obiettivo di supportare il rilancio turistico dell’Isola, dopo la vicenda del naufragio della Costa Concordia.

Condividi su:

Seguici su Facebook