Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Roccastrada, vento forte del 5 marzo: stanziati 73mila euro in somma urgenza per i lavori

I privati che hanno subito danni possono fare domanda per ottenere gli eventuali risarcimenti entro il 6 aprile

Condividi su:

ROCCASTRADA - La giunta comunale ha stanziato 73mila e 389 euro per gli interventi in somma urgenza necessari a ripristinare la sicurezza di strade, parchi e palazzi comunali danneggiati dal vento forte del 5 marzo scorso. I danni causati dal maltempo sono numerosi, risultano rovinati infatti edifici ed impianti pubblici oltre alla messa in sicurezza, al momento dell'emergenza, di alcune famiglie a rischio. Alcuni lavori necessari per il ripristino degli edifici e delle aree pubbliche, sono realizzati direttamente dal personale del Comune, mentre una parte viene assegnata in cottimo fiduciario a ditte esterne. I lavori programmati riguardano tutto il territorio, da Roccastrada a Ribolla, da Sassofortino a Montemassi; tutti gli interventi sono monitorati dalla Provincia di Grosseto, attraverso le "segnalazioni di criticità".

"Ritengo che sia importante eseguire questi lavori in tempi celeri – spiega il sindaco Francesco Limatola –, una reazione efficiente del Comune garantisce la sicurezza della collettività e ridà fiducia ai cittadini. Gli interventi sono già iniziati e abbiamo avviato la procedura per richiedere lo stato di calamità. In settimana sarò in Regione per fare il punto della situazione."

I privati che hanno subito danni possono fare domanda per ottenere gli eventuali risarcimenti entro il 6 aprile: la modulistica è scaricabile dal sito istituzionale alla pagina www.comune.roccastrada.gr.it/news/segnalazione-danni-evento-calamitoso-marzo-2015. Oppure, è possibile contattare il Comune allo 0564 561228 o 0564 561206.

"Purtroppo il nostro Paese è sempre più soggetto a eventi meteorologici straordinari – conclude Limatola -. È per questo che è necessario, adesso, cambiare al più presto modello di comportamento: Istituzioni e cittadini, insieme, dovranno coordinarsi per reagire in modo efficace e sicuro".

Condividi su:

Seguici su Facebook