Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Manciano, coalizione Sociale: nasce una nuova alleanza per l'elezione del Consiglio della Regione Toscana

Il comunicato di Sel di Manciano

Condividi su:

MANCIANO - "In occasione dell'imminente tornata elettorale per l'elezione del Consiglio della Regione Toscana, Sinistra Ecologia e Libertà e Partecipazione e Trasparenza, due forze politiche che da diversi anni fanno parte del panorama politico locale, si sono alleate per condurre insieme le battaglie in cui si sono sempre contraddistinte: la gestione del ciclo dei rifiuti, la gestione pubblica dell'acqua e le politiche sociali. Quelle appena elencate sono battaglie che necessariamente dovranno essere combattute in ambito regionale, perché è in Regione che vengono fatte le scelte e prese le decisioni che poi si ripercuotono anche sul nostro territorio. L'avvio della raccolta differenziata "porta a porta" con l'intento di raggiungere l'obiettivo "rifiuti zero" e il recupero integrale dei materiali rappresentano una sfida su cui già è in corso una delle battaglie più importanti. Dobbiamo neutralizzare le forze che, a livello regionale, impediscono l'attuazione di questo percorso virtuoso.  Le problematiche relative alla gestione pubblica dell'acqua si sono già manifestate nel tessuto cittadino mancianese con l'arrivo delle "sconvolgenti bollette rincarate". Sel e P&T chiedono la piena attuazione del referendum, la gestione pubblica dell'acqua e dei servizi locali  e nuove forme di controllo che tutelino i cittadini e le cittadine. Inoltre, vogliono continuare ad essere attivi nelle politiche sociali e nei servizi dedicati alle persone in difficoltà socio-economica, settori nei quali si distinguono a livello locale. E a dimostrazione di ciò, si vedano le iniziative e i progetti già realizzati e quelli in corso.

Per queste ed altre ragioni, a livello regionale  Sel e P&T appoggiano la lista "Sì", Toscana a sinistra, ritenendola una valida alternativa ad un PD spaccato le cui incongruenze sono più che evidenti. Infatti, nonostante le diatribe tra la corrente del PD che sulla stampa definisce e chiarisce la propria linea ufficiale e quella, cosiddetta "dissidente", che segue una linea tutta sua, ambedue le correnti convergeranno sulla lista capitanata da Enrico Rossi. Da sottolineare il fatto che Rossi è sostenuto dallo stesso premier Renzi, che ha deciso di appoggiarlo chiedendogli in cambio un ruolo guida per la Spending Review delle regioni. Sarà l'unica richiesta che il premier ha fatto al suo candidato? Allora, per chi ancora si sente di sinistra e che oggi non si sente rappresentato dal Partito Democratico di cui oggi il Governo Renzi ne è la massima espressione, per chi aborrisce il populismo e la xenofobia dei partiti di destra, c'è un'alternativa valida che merita di essere presa in seria considerazione. E'  "Sì", Toscana a sinistra: la lista che riunirà Sel, Rifondazione comunista, i comitati Tsipras e altre liste civiche e realtà di base."

 


Sinistra Ecologia e Libertà di Manciano.
Partecipazione e Trasparenza Manciano.

Condividi su:

Seguici su Facebook