Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Grosseto: presidio indetto da CISL-Scuola, COBAS della Scuola, Gilda-UNAMS E UIL

Appuntamento per martedì 23 in Piazza Socci

Condividi su:

GROSSETO - "Ventiquattro ore dopo aver annunciato la resa e la vendetta sui precari, buffonesca giravolta di Renzi che tenta di rianimare in extremis il suo moribondo Ddl “cattiva scuola”, ricattando puerilmente il popolo della scuola e le opposizioni interne.

Ma la mobilitazione si intensifica per seppellire definitivamente il Ddl-zombie e per lo stralcio del decreto stabilizza-precari. Manifestazione unitaria a Grosseto martedì 23 ore 17 in Piazza Socci, quando si riunirà la Commissione, in contemporanea in tutta Italia.
Molti avevano preso sul serio l’annuncio di resa sul Ddl “cattiva scuola” e la contemporanea, puerile vendetta contro i precari, fatta da Renzi in pompa magna a “Porta a porta” martedì sera.
Solo 24 ore dopo il precedente e solenne annuncio, con la massima cialtroneria, improvvisazione, superficialità e con giravolte altrove impresentabili, Renzi, auto-smentendosi e spiazzando ulteriormente la sua corte politica e massmediatica, ha cambiato rotta a 180 gradi e deciso di tentare la rianimazione in extremis del suo moribondo e unanimemente inviso, a chiunque abbia a cuore le sorti della scuola pubblica, disegno di legge. Martedì 23, a meno di ulteriori capriole, Renzi presenterà un “maxiemendamento” in Commissione cultura e probabilmente cercherà addirittura di evitare il voto, trasferendo direttamente il Ddl-zombie in Aula e forse ricorrendo dittatorialmente al voto di fiducia.
Se Renzi aveva sperato che il suo ricatto “o Ddl o niente assunzioni” avrebbe funzionato e paralizzato l’enorme movimento di protesta, ha potuto verificare che è successo esattamente l’opposto: il movimento non va in vacanza, sta riuscendo addirittura a rafforzare ulteriormente la protesta ed è oramai in piazza senza soste, il 17 in decine di città (su tutte la manifestazione a Roma, con la folta presenza di senatori anti-Ddl), e lo stesso il 18 e il 19.
Per i docenti è intollerabile perdere la libertà di insegnamento, essere giudicati da colleghi o presidi che non hanno alcun titolo più di loro, essere assunti e licenziati a insindacabile giudizio di un preside-padrone, ricevere premi o punizioni in base alla fedeltà al “padrone” e al suo staff. Altrettanto intollerabili le deleghe in bianco, che di fatto annullerebbero l’esistenza di un contratto peraltro non rinnovato da troppo tempo, ad un governo che ha già dimostrato di non capire come funziona il sistema scolastico. E che l’assunzione stabile dei precari non è una concessione del governo ma un dovere assoluto verso docenti ed Ata precari che lavorano nella scuola da lungo tempo e che ogni anno vengono assunti e licenziati: ad essi/e va resa giustizia sulla base della sentenza della Corte europea che ne ha richiesto la stabilizzazione dopo 36 mesi di lavoro; e dunque è inderogabile un decreto che non solo confermi la stabilizzazione dei centomila annunciati ma anche un piano, al massimo triennale, di assunzione stabile di tutti gli altri docenti ed Ata che hanno i requisiti citati dalla Corte di giustizia europea.
Il punto culminante della protesta sarà il 23 giugno con manifestazioni unitarie in tutte le città d’Italia."

 

Cobas Scuola Grosseto

Condividi su:

Seguici su Facebook