Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Amiata Piano Festival: al via dopodomani nel nuovo Forum Fondazione Bertarelli

Una "prima" di Nicola Campogrande ispirata alla Grande Guerra e le riletture di Bach in chiave jazz di Carlo Guaitoli e Attilio Zanchi.

Condividi su:

CINIGIANO - Dopodomani, giovedì 25 giugno (ore 19), l'undicesima edizione di Amiata Piano Festival prenderà il via nella sua nuova sede: il Forum Fondazione Bertarelli di Poggi del Sasso (Cinigiano, Grosseto) che per la prima volta aprirà le porte al pubblico. Sul palco quattro star del concertismo: la violoncellista Silvia Chiesa e il pianista Maurizio Baglini suoneranno insieme la Sonata op. 19 di Rachmaninov e, in "prima" esecuzione assoluta, il brano 150 Decibel, ispirato alla Grande Guerra, che il compositore torinese Nicola Campogrande ha dedicato loro. Nella seconda parte della serata il pianista Carlo Guaitoli e il contrabbassista Attilio Zanchi interpreteranno e reinterpreteranno in chiave jazz musiche di Bach, Schumann, Poulenc, Corea e Gulda.

Per il brano 150 Decibel Nicola Campogrande si è ispirato agli scatti sulla Grande Guerra del fotografo marconista Amedeo Verri (in allegato). Ecco il suo commento: "Di queste immagini appena ritrovate mi ha colpito l'energia positiva dei ragazzi mandati al fronte. Un'energia talvolta serena, talaltra spavalda, ma sempre bene in mostra, e lontana dallo stereotipo della vita di trincea attraverso il quale siamo abituati ad immaginare i combattenti (...). Ho poi riflettuto sulla potenza fonica delle battaglie, e sul rumore dei fucili, che, a breve distanza, nelle armi moderne si aggira intorno ai 150 decibel: di qui il titolo del brano".

 

Così invece il pianista Carlo Guaitoli descrive l'originale dialogo tra musica classica e jazz che proporrà insieme al contrabbassista Attilio Zanchi: "Oggi la pratica dell'interpretazione e quella dell'improvvisazione sembrano mondi lontani. Nel nostro progetto 'Piani alterni' i due linguaggi vengono invece messi a confronto direttamente a muso duro. Utilizzando materiale del repertorio concertistico colto, ne verrà prima proposta le versione originale per pianoforte e poi verrà utilizzato il brano stesso come traccia per l'improvvisazione. Verrà mantenuto lo scheletro dell'opera e verrà utilizzato un po' come gli standard jazzistici".

 

Fondato e diretto da Maurizio Baglini, Amiata Piano Festival è sostenuto dalla Fondazione Bertarelli. 

Il Forum Fondazione Bertarelli è stato progettato e costruito a impatto ambientale zero dallo studio Edoardo Milesi & Archos. Si trova a in una posizione panoramica unica, circondato dai vigneti e dagli uliveti della Cantina Collemassari di proprietà della famiglia Bertarelli – Tipa.

Condividi su:

Seguici su Facebook